Inceneritore

L' amata/odiata città ... i fatti, i personaggi e i luoghi che la rendono un esperimento sociale ...
rootsman
Maestro
Maestro
Messaggi: 651
Iscritto il: 09/09/2019, 22:01

bonvo ha scritto:
23/09/2007, 18:49
in germania nessuno si lamente degli inceneritori,tral'altro gli facciamo smaltire pure i rifiuti di napoli,che vergogna....
Siete sicuri che effetivamente inquini,o da solo fastidio?Come li smaltiamo i rifiuti?Facciamo come Napoli con la spazza per strada?Non mi sembra ci siano molte alternative per smaltire,visto che c'è teniamocelo e basta,altrimenti ammucchiamo il rudo in cantina...... :-X
infatti l'unica soluzione è produrre meno rifiuti,
che significa rimettere in discussione lo stile di vita contemporaneo.
tutte le altre mi sembrano un po' da "botte piena e moglie ubriaca"
la politica dello struzzo è una forma di ottimismo suicida
bonvo

una volta ,quando ero piccolo,non mi sembrava di sbattere nel bidone tanta roba come adesso,tutto è confezionato con la plastica(questo da quando è sorta la fottuta grande distribuzione)invece quando andavi nel negozio di alimentari o altro c'era meno m.rd@ da sbattere via.dal conto mio ho 5 bidoni in uno spazio dedicato nel  giardino dietro casa;uno per il vetro,uno per la plastica,uno per la carta,uno per l'umido e un'altro per i rifiuti convenzionali.ogni quindici giorni riempio la macchina e vado a visitare le campane in piazzola e riporre il tutto con cura.c@xxo devo fare? C'è gente anziana che abita vicino a me che caccia tutto,ma tutto in un sacco e via.Ci vuole anche un pochino di buonsenso nel non ammucchiare tutto in un sacco.tral'altro quando ho del legno o roba ingombrante la porto in discarica,invece per i metalli come acciaio,ottone e alluminio vado da Gobbi,così ma da pure dei soldi che mi sbevazzo fuori ;)
bella lì O0
Ultima modifica di bonvo il 23/09/2007, 19:07, modificato 1 volta in totale.
Ranca

Se tutti divessero fare come te, Bonvo, sicuramente la situazione rifiuti sarebbe meno critica di quanto e' adesso.
Citi giustamente la Germania che sotto questo aspetto e' sicuramente anni luce avanti rispetto a noi, e dove il tasso di raccolta differenziata e riciclaggio e' elevatissimo. Molti riducono il discorso a "nel nord europa sono tutti più civili". Sbagliato.

Nel nord europa i politici, liberi dal condizionamento della Mafia, hanno promosso leggi severissime per chi sgarra, ora non ricordo esattamente come funzionano, ma ci sono meccainismi pensati per "costringere" i cittadini a differenziare i rifiuti sotto la minaccia di multe salatissime.

E non venite a dirmi "facile tirare fuori la mafia" come l'origine di tutti i mali. Guardacaso la zona maggiormente interessata dall'emergenza rifiuti e' proprio la Campania dove la Camorra ha un livello di infiltrazione in tutti i settori da cui possono trarre redditi e benefici economici.
bonvo

IO VOGLIO L'INCENERITORE,DEVO AVERLO.......ANZI NE VOGLIO DUE......ANZI,FACCIAMO TRE(UNO LO VOGLIO IN GIARDINO :o
Avatar utente
Kappo
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 3072
Iscritto il: 03/12/2004, 7:18
Contatta:

bonvo ha scritto:
23/09/2007, 19:06
per i metalli come acciaio,ottone e alluminio vado da Gobbi,così ma da pure dei soldi che mi sbevazzo fuori ;)
Ecco chi è che mi ciùla costantemente le maniglie del portone sottocasa.....
Non esistono domande stupide. Solo le risposte possono esserlo.
bonvo

;D
no tranqui,è tutto materiale di scarto degli elettrodomestici che riparo..... ;)
Avatar utente
jack malandra
Pratico
Pratico
Messaggi: 218
Iscritto il: 13/02/2006, 10:53

bonvo ha scritto:
23/09/2007, 18:49
Siete sicuri che effetivamente inquini,o da solo fastidio?Come li smaltiamo i rifiuti?Facciamo come Napoli con la spazza per strada?Non mi sembra ci siano molte alternative per smaltire,visto che c'è teniamocelo e basta,altrimenti ammucchiamo il rudo in cantina...... :-X
una piccola puntigliosa precisazione:
che i mass media non parlino altro che di inceneritori come unico mezzo di smaltimento, questo è assodato, ma tra il "non parliamo di altre soluzioni" e il "non ne esistono altre" ce ne passa.
[esempio: il petrolio come UNICA VERA fonte energetica mondiale]
come sempre ci sono interessi dietro che noi volgo, non possiamo neanche sognare.
in ogni caso non sono qua per fare polemica ma per indirizzare i più curiosi, o coloro che credono nell'unica soluzione finale dell'incenerimento (mmh mi sembra di averlo gia sentito questo punto di vista..),  a questo sito come gia in questi posts era stato segnalato: www.comitatodifesaterritorio.org
beato te che hai ancora non credi che l'inceneritore inquini e dormi sonni tranquilli.
allo stesso indirizzo vai a vederti/sentirti oltre che i trattati sorpa, l'intervento di montanari a rigurado.
in germania li hanno, è vero, ma è anche diverso il modo di fare raccolta differenziata.
se tu sapessi come viene gestito l'inceneritore di cremona e quello di brescia.
cosa ci buttano dentro.. come gestiscono i dati mensili(fanno una media) da dare all'ARPA..
bonvo ha scritto:
24/09/2007, 12:58
IO VOGLIO L'INCENERITORE,DEVO AVERLO.......ANZI NE VOGLIO DUE......ANZI,FACCIAMO TRE(UNO LO VOGLIO IN GIARDINO :o
mi tocca ancora precisare.
a cremona in teoria c'è un unico inceneritore.
vero.
in pratica ci sono 2 linee attive e stanno per metterne in funzione una terza.
1 al prezzo di 3!
bonvo..siamo noi i migliori!
(considera che noi abbiamo anche la mitika tamoil a meno di 700mtr dalle prime case di comuni cittadini)
ma si sa, l'inquinamento del vicino è sempre il migliore.
tutti americani quando serve, incerti fra la camicia nera e quella verde, merde! sale che è un indecenza, a male! altro che alleanza, è un'arroganza nazionale.
bonvo

ecco allora,dobbiamo parlare di negligenza nel gestire un inceneritore,perchè se mi dici che gli sbattono dentro d'ogni,allora direi che decisamente non ci siamo.Forse in realtà,non è l'inceneritore come principio che non va bene,ma il suo utilizzo alla c@xxo di cane.Poi sul fatto che la Tamoil sia un emerito cesso in mezzo alla città,ok
Ultima modifica di bonvo il 27/09/2007, 17:50, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Kappo
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 3072
Iscritto il: 03/12/2004, 7:18
Contatta:

Bonvo... leggi qua
Non esistono domande stupide. Solo le risposte possono esserlo.
Avatar utente
Kappo
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 3072
Iscritto il: 03/12/2004, 7:18
Contatta:

Se non ricordo male, viene anche fatto perché, andando sotto una certa temperatura, c'è il rischio che il materiale bruciato generi diossina e la immetta in atmosfera attraverso le ciminiere....
Non esistono domande stupide. Solo le risposte possono esserlo.
Avatar utente
jack malandra
Pratico
Pratico
Messaggi: 218
Iscritto il: 13/02/2006, 10:53

Stasera, 1 Ottobre 2007, alle ore 21 nella sala C.I.S.V.O.L. di Cremona (via San Bernardo) incontro con un tecnico che attualmente è a stretto contatto con la realtà lavorativa dell'inceneritore di Cremona.

Visto l'interesse dimostrato sull'argomento in questo thread, siete incoraggiati a partecipare numerosi.
Ultima modifica di jack malandra il 01/10/2007, 14:38, modificato 1 volta in totale.
tutti americani quando serve, incerti fra la camicia nera e quella verde, merde! sale che è un indecenza, a male! altro che alleanza, è un'arroganza nazionale.
turk-182

Il racconto di un dipendente AEM è sul sito del Comitato difesa territorio.

www.comitatodifesaterritorio.org
il belloso
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 1206
Iscritto il: 13/02/2006, 16:51
Località: Milano / Cremona
Contatta:

grazie turk, veramente ottimo link, avevo già visitato altre volte il loro sito, ma penso proprio che ora aggiungerò il feed a googleReader O0
"I fatti?" proferì nuovamente. "Signor Franklin, prenda ancora un sorso di groge si riprenderà dalla debolezza di credere ai fatti! Gioco sleale, signore!"
(Wilkie Collins, La pietra di luna)

Pre-sabbatical time post:
il belloso ha scritto:
26/04/2013, 10:59
jami ha scritto: spegni il computer e riaccendilo
amo jami
20130909-20180919 sabbatical time
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7109
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

Il consiglio comunale di Genova ha accantonato il progetto di un mega inceneritore, approvato solo diciotto mesi fa, per promuovere porta a porta, riuso e riciclaggio.
Come è stato possibile? Un ruolo decisivo lo hanno svolto i comitati di Scarpino e le associazioni ambientaliste, protagonisti di numerose manifestazioni e di proposte alternative. Un aiuto lo ha dato anche l'intergruppo Arcobaleno e l'assessore all'ambiente della Regione Liguria.
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7109
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

si dice sempre "ok, no inceneritore. quindi? cosa fare con i rifiuti?".
qualcuno, anche proveniente dal Governo da poco decaduto, si spinge ad affermare che "gli inceneritori sono l'alternativa migliore possibile disponibile oggi".
ebbene, dal bel sito www.noinceneritori.org segnalo la sezione dedicata alle alternative all'inceneritore

inoltre invito a leggere questo articolo di Alex Zanotelli
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
turk-182

Umberto Veronesi (Oncologo del Partito Democratico) e gli inceneritori:



Una spiegazione 'scientifica' della sua dichiarazione la si trova?
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7109
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

Veronesi (x)
Rete Lilliput ha scritto:“Il riciclaggio di materiali raccolti alla fonte con buona differenziazione provoca minor impatto ambientale rispetto alla termovalorizzazione”: non lo hanno detto ambientalisti dell’ultima ora, ma la “Confederation of European Waste-to–Energy Plant”, ovvero gli stessi gestori di impianti di incenerimento, in uno studio commissionato nel 2004 e consultabile su www.cewep.com!
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
luchino
Maestro
Maestro
Messaggi: 580
Iscritto il: 02/07/2007, 17:42

Ciao, giro questa mail inviatami dall'associazione ambiente e scienze,la stessa che invitò Luca Mercalli circa un mese fa.

Tra pochi giorni il Parlamento Europeo sarà chiamato a votare sulla proposta del Consiglio dei Ministri di riclassificare l'incenerimento dei rifiuti con recupero energetico ad alta efficienza, elevandolo da forma residuale di smaltimento a forma di recupero, quasi equiparandolo al riciclaggio.

Si tratta del secondo passaggio, in quanto la stessa proposta era stata respinta dal parlamento, anche se solo di misura. Adesso però la partita si fa dura, perchè è necessaria la maggioranza qualificata, ovvero almeno il 50%+ 1. Se nel parlamento Europeo non si riuscisse a raggiungere la maggioranza necessaria a respingere la riclassificazione dell'incenerimento proposta dal Consiglio dei Ministri, il nostro impegno ed il nostro lavoro per far passare un diverso modello di gestione dei materiali post-consumo (smettiamola di considerarli RIFIUTI!) SAREBBE SICURAMENTE MOLTO PIU' DIFFICILE ...

Parlandone con altri, è venuta l'idea di esercitare una forma di pressione su tutti gli europarlamentari attraverso l'invio di messaggi nelle loro caselle di posta elettronica, in modo da saturarle con appelli. E' una cosa che è già stata fatta in altre occasioni e qualche volta ha funzionato ...

Qui sotto trovate una bozza di lettera da utilizzare come forma di pressione: usatela come traccia, speditela agli europarlamentari (in fondo al messaggio trovate gli indirizzi degli europarlamentari italiani) e diffondetela, con o senza varianti, con l'invito a fare altrettanto a tutti i vostri contatti. Suggeriamo di variare l'Oggetto dei messaggi da mittente a mittente.

Grazie della collaborazione e cari saluti



____________________________





Gentile Parlamentare,

a breve Lei sarà chiamato/a a votare la proposta di riclassificazione dell’incenerimento dei rifiuti  (con recupero energetico ad alta efficienza) a forma di recupero equiparabile al riciclaggio, sottraendola alla categoria residuale dello smaltimento.

Le scrivo questa lettera per invitarLa a riflettere seriamente sulle seguenti considerazioni.

Lei sa bene che, anche con impianti ad alta resa energetica, l’energia ottenuta bruciando i materiali post-consumo non è minimamente in grado di compensare quella che potremmo salvare con il riciclaggio degli stessi materiali che, una volta bruciati, saremo costretti a produrre ex novo a partire da materie prime vergini.

Le risorse materiali della terra sono finite e, purtroppo, stiamo assistendo al loro esaurimento. Quando, in seguito all’incenerimento, i materiali di partenza si saranno dispersi nell’ambiente, non saranno più recuperabili.

Viceversa , la terra usufruisce di una fonte inesauribile di energia, il sole, che ha garantito finora lo sviluppo della vita sul nostro pianeta, dalla quale poi traggono origine le altre fonti secondarie naturali di energia, quali il vento, le maree, i salti d’acqua.

Per questo motivo, anche a prescindere dalle implicazioni sanitarie connesse con l’incenerimento, riteniamo assurdo equiparare il recupero di energia ottenibile dalla combustione dei rifiuti al riciclaggio dei materiali post consumo ed al conseguente recupero di materia.

Inoltre, anche applicando le migliori tecnologie disponibili, non è possibile evitare che gli impianti di incenerimento immettano nell’ambiente inquinanti persistenti nocivi alla salute, fra i quali anche sostanze cancerogene certe per l’uomo..

E’ per questo motivo che si contano ormai a milioni i medici ed i cittadini europei che si sono pronunciati contro l’incenerimento: a cominciare dalla piattaforma delle organizzazioni mediche francesi, fra cui lo stesso Consiglio Nazionale degli Ordini dei Medici, e da tante altre associazioni di medici in tutta Europa che hanno chiesto l’introduzione di una moratoria  nella costruzione di nuovi impianti.

Poiché oggi sono disponibili tecnologie alternative tanto all’incenerimento quanto alla discarica, rispettose della salute e dell’ambiente, che consentono il recupero pressoché totale ai fini produttivi dei materiali post-consumo, sarebbe assurdo ed irresponsabile incoraggiare ulteriormente la pratica dell’incenerimento dei rifiuti.

Sulla base dei principi di precauzione e di sostituzione, l’incenerimento dovrebbe essere una pratica da abbandonare progressivamente, al pari del conferimento in discarica, per essere sostituita da quelle tecniche che, con impatti ambientali e sanitari ben minori, consentono  recupero di materia e risparmio di energia in misura ben superiore rispetto alla combustione dei rifiuti.

Confidando nel Suo buon senso e nel suo senso di Responsabilità,  La saluto cordialmente



Occorre impiegare questi giorni (probabilmente il voto ci sarà entro non più di 10 giorni) per sensibilizzare i parlamentari europei del nostro Paese sul nostro territorio chiamandoli, indipendentemente dagli schieramenti. Per questo mettiamo a disposizione il loro indirizzo con cui contattarli:

guido.sacconi@europarl.europa.eu

Alessandro.foglietta@europarl.europa.eu
adrianapolibortone@europarl.europa.eu
vittorio.prodi@europarl.europa.eu
amalia.sartori@europarl.europa.eu
marcello.vernola@europarl.europa.eu
monica.frassoni@europarl.europa.eu
Avatar utente
caber
Pratico
Pratico
Messaggi: 149
Iscritto il: 31/03/2008, 23:19
Località: Foggy Town

mha... io vi dico... mio padre era nel cda AEM ai tempi della costruzione dell'inceneritore (la prima linea con possibilità di farne una seconda)

vi dico ciò che so in merito da una fonte che direi anche affidabile

1 la tecnologia era la migliore disponibile al tempo, con un impatto ambientale davvero basso (risibile in confronto all'inquinamento delle caldaie del riscaldamento delle case)
2 come contropartita ha permesso di ridurre il suddetto inquinamento provocato dalle caldaie grazie al contributo del teleriscaldamento
3 ha permesso di ridurre notevolmente l'utilizzo delle discariche, vere bombe ecologiche legate ai rifiuti
4 per via di un accordo preso con la cittadinanza non potevano bruciare nulla proveniente da fuori della nostra provincia


questo è quello che so io... le informazioni sono certe ed affidabili, solo un po' datate
Rispondi