Inceneritore

L' amata/odiata città ... i fatti, i personaggi e i luoghi che la rendono un esperimento sociale ...
Avatar utente
caber
Pratico
Pratico
Messaggi: 149
Iscritto il: 31/03/2008, 23:19
Località: Foggy Town

24/07/2008, 18:26

ok... la mia memoria non è granchè...  :(

comunque un 50% circa non è un cattivo dato (considerando la pigrizia dei cremonesi poi...)

forse si potrebbero mettere più punti di raccolta per eliminare pure la scusa della pigrizia
oltretutto ho visto in liguria che fanno dei cassonetti sotterranei con solo una piccolissima struttura sopra il livello del suolo delle dimensioni di un grosso cestino
in questo modo si possono mettere cassonetti anche nelle aree che attualmente non li possono ospitare per ragioni estetiche
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7036
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

25/07/2008, 9:26

caber ha scritto: forse si potrebbero mettere più punti di raccolta per eliminare pure la scusa della pigrizia
già, ottima idea.
e per incrementare al massimo i punti di raccolta senza effetti negativi per traffico e logistica, ma con efficacissime ricadute sulle percentuali e sullo sbattimento dei cremonesi si potrebbe passare ad un sistema di raccolta differenziata porta-a-porta.
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Avatar utente
Kappo
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 3073
Iscritto il: 03/12/2004, 7:18
Contatta:

25/07/2008, 14:01

Tipo :

Lunedì - Plastica
Martedì - Vetro
Mercoledì - Carta/cartone
Giovedì - Lattine
Venerdì - Verde
Sabato - Urbani e Ingombranti

.....?
Non esistono domande stupide. Solo le risposte possono esserlo.
Avatar utente
sienanza
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 1124
Iscritto il: 09/09/2004, 22:47
Località: Cremona

11/01/2010, 21:40

Interessante il trattamento riservato ad uno dei protagonisti di questo topic, Stefano Montanari.
http://www.stefanomontanari.net ha scritto: [...]
mi arriva una raccomandata nella quale la signora Bortolani, presidentessa dell’omonima onlus e proprietaria per sciagurata ingenuità mia del microscopio essenziale per le ricerche sulle nanopatologie, mi annuncia di aver “donato” l’apparecchio niente meno che all’Università di Urbino, quell’ente che annovera tra i suoi “scienziati” chi mi ha contrastato, e con argomenti tutt’altro che scientifici, quando ho tentato, per ora con successo, di evitare che a due passi da quella città si costruisse un inceneritore a biomasse che sarebbe stato parte di una fungaia di altri impianti simili. La “donazione”, va da sé, è stata sancita dopo aver manovrato di nascosto in modo da non mettere a repentaglio la riuscita dell’affare per molto più di un anno, ad essere precisi, da quando sono “entrato in politica”.
Rispondi