[dialetto] Il campo delle cento pertiche

L' amata/odiata città ... i fatti, i personaggi e i luoghi che la rendono un esperimento sociale ...
Rispondi
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7037
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

29/11/2009, 18:33

dopo il successo dei topic dedicati al càan de la bisa e al ciutto, vorrei andare alla ricerca delle origini di un'altra locuzione molto usata, il cui significato è noto, ma che non so da dove salta fuori:
"suntum amò in del camp de li cent pertighi"

questa espressione, come credo sappiate tutti (???), è usata per dire che ci si trova in una situazione senza uscita e immagino che il motivo risieda nel fatto che un campo di cento pertiche dev'essere molto grande (anche se non so esattamente quanto), quindi anche camminando molto ci si rimane sempre all'interno, ma qual è la storia dietro?



spero che questi topic dialettali piacciano all'assessore Io Tarzan Tu Alquati e la facciano ricredere sulla semplicistica associazione Cremonapalloza-Dissonanze con la quale ha bollato questo sito/forum
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Avatar utente
sienanza
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 1124
Iscritto il: 09/09/2004, 22:47
Località: Cremona

29/11/2009, 20:48

Il campo delle cento pertiche sembrerebbe una metafora anticlericale.
Mai fidarsi dei vescovi.
Abbiamo scelto questo nome perchè volevamo dare al nostro ristorante
il forte sapore della tradizione lombarda, quella delle persone,
della loro terra, dei loro modi di dire.

... Sem' anca mo al camp di cent pertigh...
... Siamo ancora qui e non si sa nulla, non è cambiato niente...

Ma dietro questo detto c'è una storia, che ognuno racconta a suo modo,
e che si intreccia in modo curioso con quella del nostro ristorante.
Si dice che un nobile fervente cattolico avesse lasciato
alla sua morte in eredità alla Chiesa un terreno,
anzi un campo grande cento pertiche. Il nobiluomo, però, mise
una condizione e cioè che il campo fosse destinato dalla Chiesa
alla costruzione di un ente benefico, un asilo, o un orfanatrofio.
La Chiesa, temendo di dover investire troppo per realizzare
il desiderio del defunto, giocò sulla vaghezza del testamento,
che non indicava dove fosse questo campo.
Il "camp di cent pertigh" così non fu trovato e nulla fu costruito...

Ma il caso vuole che il terreno su cui sorge il nostro ristorante misuri proprio cento pertiche e in passato al posto della cascina ci fosse un convento...
Ognuno, con la propria fantasia concluda la storia come più gli piace, ma un fatto è certo...

Abbiamo trovato il "Camp di Cent Pertigh"
http://www.campdicentpertigh.it/cascina/nome.htm
Avatar utente
bracco
Novizio
Novizio
Messaggi: 28
Iscritto il: 31/05/2006, 17:15

11/02/2010, 16:33

Se non mi ricordo male una pertica cremonese sono circa 800 mq, quindi 100 pertiche sono 80.000 mq, beh è un bel campo!
Ultima modifica di bracco il 11/02/2010, 16:33, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7037
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

11/02/2010, 16:48

sì, si tratterebbe di un campo quadrato di 284 metri per lato
(pertica cremonese = 808,0469 mq (quella cremasca è di 756 mq, così possono bullarsi di averne di più))
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Rispondi