Coincidenze assurde

Dal greco = spazio aperto

Moderatore: .ferro

Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7700
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

baol ha scritto: 16/01/2008, 15:36ieri sera, mentre ero in macchina, di ritorno verso la mia casetta adorata, butto un occhio all'orologio digitale della mia macchina
erano le 22 e 22
la mia aiuto ha anche il tachimetro digitale
22 all'ora

devi ricordarmi di farlo anche il 22.2.2022
(lo farei anche il 22.2.2222, ma non penso di esserci...ho già un impegno)
baol, ti sei ricordato?
Io a quell'ora ero al Fico con McA e non ho potuto guardare alcun orologio, causa David Bowie.
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7700
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

Questa coincidenza è assurda non tanto da un punto di vista statistico, quanto dal punto di vista del dettaglio.
Ieri sera vagando per il web ero finito su un articolo in cui si faceva notare il qurioso record di Radovanović, il quale non segnava in serie A da più di 4 anni, nonostante l'altissimo numero di tiri in porta: ben 98!
Oggi Radovanović ha fatto gol.
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 6042
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

Q ha scritto: 10/04/2022, 18:32Questa coincidenza è assurda non tanto da un punto di vista statistico, quanto dal punto di vista del dettaglio.
Ieri sera vagando per il web [...]
È interessante, a maggior ragione perché la data della tua lettura coincide con la data di pubblicazione, chiaramente indicata in testa al pezzo: 9 aprile 2022.
Tradotto: è stato necessario che qualcuno scrivesse quell'articolo per far sbloccare la situazione e permettere al nostro Radovanović di segnare, finalmente.
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 6042
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

Oggi, alle 16:30, al telefono, l'amico Eric mi chiede se ho mai visto il film Control.
Oggi, alle 19:30, dal vivo, l'amico e collega Jappi mi chiede se ho mai visto il film Control.
Direi che Eric e Jappi nemmanco si conoscono e che, se domande del genere tra Jappi e me sono all'ordine del giorno, di certo non lo sono con Eric.
Al concretizzarsi della coincidenza, racconto a Jappi ciò che avevo raccontato tre ore prima a Eric, cioè che la mia revisione di Control di un paio d'anni fa fu essa stessa oggetto di coincidenza.
McA ha scritto: 23/07/2020, 2:00 Oggi/ieri, insomma, mercoledì 22, ho (ri)visto al cinema due grandi film.
Crash, di David Cronenberg (1996), visto nel pomeriggio, è tratto dall'omonimo romanzo di J.G. Ballard.
Control, di Anton Corbijn (2008), visto in seconda serata, è un film biografico sulla vita di Ian Curtis: nei primissimi minuti di film, viene mostrato uno scaffale con i libri del giovane Ian, tra cui – eccolo, secondo da destra e quasi al centro dell'inquadratura – Crash, di J.G. Ballard.

Immagine

Ciò detto, (non) mi stupisco di me stesso per aver notato il titolo del libro in tempo reale (l'inquadratura sarà durata sì e no due secondi).
Coincidenze assurde² è straordinario.
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
Jusbiland
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 1538
Iscritto il: 14/08/2006, 17:44

McA ha scritto: 06/05/2022, 20:00Oggi, alle 16:30, al telefono, l'amico Eric mi chiede se ho mai visto il film Control.
Oggi, alle 19:30, dal vivo, l'amico e collega Jappi mi chiede se ho mai visto il film Control.
Direi che Eric e Jappi nemmanco si conoscono e che, se domande del genere tra Jappi e me sono all'ordine del giorno, di certo non lo sono con Eric.
Al concretizzarsi della coincidenza, racconto a Jappi ciò che avevo raccontato tre ore prima a Eric, cioè che la mia revisione di Control di un paio d'anni fa fu essa stessa oggetto di coincidenza.
UHD. :o
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 6042
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

Jusbiland ha scritto: 10/05/2022, 10:36UHD. :o
Senti questa, Jusbiland: circa un'ora fa, vengo a sapere che se n'è andato Jack Kehler, attore statunitense che fa una piccola ma preziosissima parte nel mio film della vita, Il grande Lebowski. Nel film, Kehler interpreta Marty, il padrone di casa di Drugo, che va a ricordargli (in modo più che gentile e imbarazzato) di pagare l'affitto e intanto lo invita allo spettacolo della sua compagnia di danza amatoriale. Contrariamente a ogni pronostico, Drugo (con gli amici Walter e Donny) va alla serata. Ecco la sequenza.



Mezz'ora fa, Satana mi strafulmini se non è vero, mentre sono in casa sento distintamente provenire, dal vicinissimo Auditorium del Museo del Violino, le note de Lo gnomo, uno dei più riconoscibili movimenti di Quadri di un'esposizione, famosissima suite di Mussorgsky, cioè lo stesso brano che fa da colonna sonora alla raffazzonata danza di Marty.

Ormai la mia vita è una coincidenza continua, interrotta da fugaci momenti di non coincidenza.
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7700
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

McA ha scritto: 19/07/2022, 12:00
William "Poogie" Hart † The Delfonics
Washington, 17/01/1945 • Filadelfia, 14/07/2022
Esattamente ieri sera, mentre preparavamo la cena, ho fatto ascoltare a Tina esattamente Didn't I (Blow Your Mind This Time), usando esattamente il video YouTube da te linkato e dicendole:
"Senti questa che non ascoltiamo da anni e che ascoltavamo sempre quando abitavamo nell'altra casa".
Coincidenza assurda e triste.
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Avatar utente
labbio
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 1315
Iscritto il: 22/01/2008, 19:32
Località: Cremona

I vicini di casa di Q (che chiameremo famigliola felice) sono miei amici.
I miei vicini di casa (che chiameremo coppia giovane) sono amici di Q.
Già questo chiasmo di amicizie-vicinato è una discreta coincidenza, ma c'è di meglio.
Sopra coppia giovane vive coppia sportiva, lei di coppia sportiva e lui di coppia giovane sono cugini. Tanto basta perché Q conosca anche coppia sportiva.
Coppia giovane e famigliola felice hanno avuto occasione di incontrarsi saltuariamente, ma coppia sportiva e famigliola felice non si sono mai visti...

... fino a due giorni fa, quando si sono incontrati in un negozio a Reykjavik.

Questa storia sarebbe perfetta se coppia sportiva e famigliola felice avessero scoperto in autonomia cosa li legasse, purtroppo è servito un aiuto dall'esterno.
Tranquillo, penso a tutto io
Dicono di me: "un rompicoglioni fuori scala, un vero professionista della noia". Siete avvisati.
Non è una frisona
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7700
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

Io e Tina siamo andati in vacanza come al solito pressoché a caso, quindi ad esempio siamo finiti a Vico del Gargano solo perché io guidavo verso sud e Tina ha selezionato un hotel.
Dopo Vico del Gargano siamo finiti a Mattinata.
In mattinata abbiamo fatto un giro in paese e siamo entrati nella gelateria chiaramente più prestigiosa del paese per un brunch.
Ed ecco la coincidenza assurda: al tavolino dietro di noi si siede un tizio, da solo col suo laptop, si piazza in conference call col gelato e Tina:
- Ma quello è Matteo Rini!
► Mostra testo
E finisce lì.
Stasera sono in ciocco e chi c'è al tavolo dietro di noi?
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 6042
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

La Ciocco è in festa per i 40 anni di Jusbiland.
Forse ispirato dai miei occhiali a goccia gialli da ganassa, Er Conte mi chiede di citargli al volo qualcosa tratto da un vecchio film.
Senza pensare, rispondo: «Coraggio… fatti ammazzare», battuta di Clint Eastwood che dà il titolo italiano al 4º film della saga del celebre ispettore Callaghan (che in originale si chiama Callahan, ma si sa che gli adattatori italiani sono dei minchia).
Poco fa, Snorky e io rientriamo a casa dalla festa, accendiamo il televisore e facciamo quel poco di zapping che ci conduce su Iris (uno dei canali Mediaset). Sullo schermo stanno scorrendo i titoli di coda di Coraggio… fatti ammazzare.

Q:t
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7700
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

Questa è bizzarra perché chiude cerchi su miei mondi distinti facendo un bel giro largo.
Domenica scorsa Atalanta-Salernitana di serie A è finita 8-2.
L'ultimo 8-2 precedente risaliva al 1996 ed era un Inter-Padova.
Sono andato a vedere il tabellino del match del 1996 per vedere se ricordavo i giocatori protagonisti di quella partita risalente alla mia adolescenza.

Beh, tra le fila del Padova non ti trovo il cognome del mio ex capo? Un cognome piuttosto particolare, anche perché diffuso solo in alcune zone delle Marche, da cui proveniva il mio ex capo.
Ma il Padova in quella partita ha schierato anche un omonimo del mio attuale capo.
E l'omonimo del mio attuale capo ha sostituito, nella partita del 1996, l'omonimo del mio ex capo!
Così come poi i due omonimi si sono avvicendati tra loro nel mio lavoro.

Informandomi poi sulle carriere dei due calciatori protagonisti, scopro che l'omonimo del mio ex capo, marchigiano e concittadino del marchigiano con cui lavoravo io (parente? chissà) ha avuto una carriera movimentata, conclusa infine giocando nella Cremonese.
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 6042
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

Ieri sera, Snorky e io eravamo a Milano, da Germi, per l'amico Phill Reynolds impegnato in un concerto/lettura incentrato su Johnny Cash.
Germi è il posto di cui è cotitolare Manuel Agnelli degli Afterhours. Ma è solo una nota di colore.
All'ingresso sbrighiamo il controllo dei biglietti e delle tessere ACSI con un altro cotitolare, il quale, accortosi della nostra provenienza cremonese, si presenta: è Gianluca Segale, è un caro amico di Kula e Omar, ha frequentato più volte il fu C.S.A. Dordoni e lì ha partecipato ad almeno un mondiale antirazzista di fubalino.
Be', ma naturalmente, siamo in centro a Milano, vuoi non parlare dell'underground della provincia del profondo sud della Lombardia?

Come ciliegina, nel piccolo e molto frequentato spazio, Snorky si imbatte e chiacchiera con Gaia, cremonese espatriata nel capoluogo regionale.
Gaia, classe '89, è sorella minore della Ciciula ed era all'ultimo anno di Liceo Artistico quando mia sorella Mary era al primo: la conosce e mi chiede di salutargliela.
Pronti!
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 6042
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

Ieri ero al Number One per un aperitivo con Q.
Arriva Poppo e la conversazione va su un certo tipo di paranoia, al che cito l'ovvia battuta da Strange Days.
McA ha scritto: 05/01/2004, 1:27Max: «Il punto non è se sei paranoico. Lenny, insomma, il punto è se sei abbastanza paranoico».

Strange Days
In quelle ore, purtroppo, ci lasciava Tom Sizemore, attore che – nei panni di Max Peltier – pronuncia la battuta nel film di Kathryn Bigelow.
Se fossi abbastanza paranoico, considererei la cosa con sospetto.
Invece non la trovo nemmeno una coincidenza così assurda; un po' macabra, questo sì.
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
Eta
Supremo
Supremo
Messaggi: 875
Iscritto il: 27/02/2005, 19:42
Località: Utero Utrecht Trajectum
Contatta:

Premessa

Oggi ho avuto una conversazione assurda che potrebbe essere uscita da Il grande Lebowski, e di mezzo c'è una morte.
Il trapasso riguarda una persona che sicuramente amava Il grande Lebowski, e sono certa che apprezzerebbe il twist di dark humor se sapesse che sto scrivendo questo post in questo forum. Un brindisi a te, L!


Stamattina, al mio risveglio, da dei messaggi di T, apprendo che L è morto; glielo ha fatto sapere un'amica che conosco anche io.
T mi chiede se è L quella persona di cui gli avevo parlato di recente e che mi aveva incoraggiato anni fa in ambito lavorativo; sì, era proprio L, gli dico.
Rimango abbastanza basita, avevo parlato di L di recente anche con F, e credevo che lo avrei rivisto presto a un festival. Sapevo però che L aveva gravi problemi di salute già da anni. Vado su Facebook, e leggo un post dei familiari di L che danno la notizia.

Penso subito al mio amico D, che era più prossimo a L di quanto lo fossi io.
Gli scrivo per chiedergli come sta e per mandargli un abbraccio. Non cito la morte di L, poiché non sono certa sappia ancora, e non sono certa sia il caso lo apprenda da me. Intanto voglio vedere come risponde a questo messaggio.
D mi scrive che non sta molto bene, essendo morto un suo caro amico. Gli rispondo che avevo sentito anche io la notizia, e che gli scrivevo per questo. D mi chiede chi me lo ha detto, sicché gli dico che me l'ha riferito T, e gli riporto le sue condoglianze, che, nel frattempo, T mi aveva chiesto di fargli.
D mi chiede chi sia T. Gli rispondo citando alcuni progetti di T che credo che D possa conoscere, lavorando nello stesso ambito, che poi era lo stesso di L (D non sa che io sia in contatto con T, ma credevo lo conoscesse di nome).
Al che, D mi chiede come faccia T a sapere di lui e del suo amico morto.
Gli rispondo che T e L si conoscevano un po' e che L lo aveva intervistato.
D mi chiede se mi sto riferendo a suo padre.
Non capendo, mi chiedo se D stia facendo uno scherzo rotto citando Star Wars (dato che il nostro L ha praticamente lo stesso nome del figlio di Darth Vader), ma non oso reagire con un emoji che ride.
D finalmente dice: "O L [nomeecognome del nostro L]?"
Io rispondo affermativamente a quest'ultima opzione, e chiedo conferma se stiamo parlando entrambi di questo L.
D è confuso dal fatto che quell'amica abbia detto a T del suo amico morto.
Poi dice: "Ok, check. Haha anche mio padre si chiama L."
Io, che nel frattempo credo di avere detto ogni cosa sbagliata possibile, gli chiedo se suo padre sta bene.
D mi risponde che suo padre è in un Paese estero che è stato appena colpito da una tempesta terribile, ma che sta bene e che sta aiutando a ricostruire.
Cerco di spiegare meglio a D come mai T gli mandasse le condoglianze, dato che non si sono mai conosciuti, e gli spiego che gli avevo parlato di lui, e che gli avevo appena detto che gli avrei scritto, e che T sapeva che D è un mio caro amico, e che per questo esprimeva affetto.
D è confuso, ma apprezza, e un minuto dopo, mi scrive: "Aspetta, L è morto? Qualcun altro mi ha appena dato la notizia".

Forse voi lo avevate già capito: l'amico che D mi aveva citato a inizio conversazione non era il L per cui gli scrivevo io.

D oggi si è preso un giorno di riposo.

Ciao, L, grazie per tutta la cinefilia che hai portato qua, per tutte le iniziative culturali cui hai dato vita, e per tutta la solidarietà che hai praticato!

(Sì, lo so, questo profilo, specie con la premessa lebowskiana, vi ricorda qualcuno: avrei voluto portare McA a un qualche evento ad Amsterdam organizzato da L. Non ho fatto in tempo. 💀)

Vorrei sottolineare che le coincidenze sono due: il fatto che il mio amico D avesse quindi due amici morti di recente (ma che non sapesse ancora della morte di L quando gli avevo scritto all'inizio), e il fatto che L e il padre del mio amico D abbiano lo stesso nome (e che anche il padre di D fosse stato in una situazione di pericolo).
Non sono forse di per sé assurde in quanto coincidenze, ma, nella loro semplicità, hanno reso possibile una conversazione decisamente assurda.

:o
McA ha scritto: 04/11/2012, 12:30Senso di completezza a manetta, e solito mix di sentimenti.
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7700
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

Darth Vader ha un figlio?
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Avatar utente
Eta
Supremo
Supremo
Messaggi: 875
Iscritto il: 27/02/2005, 19:42
Località: Utero Utrecht Trajectum
Contatta:

Q ha scritto: 15/03/2023, 17:39Darth Vader ha un figlio?
È solo ciò che mi è stato detto.

Immagine
McA ha scritto: 04/11/2012, 12:30Senso di completezza a manetta, e solito mix di sentimenti.
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7700
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

Q ha scritto: 10/07/2019, 13:17
Q ha scritto: 27/12/2018, 1:10
Q ha scritto: 06/08/2018, 18:57ieri io e Tina siamo andati in piscina comunale e abbiamo incontrato Paola e Claudio
i due erano alle prese con cruciverba difficili, tratti da un surrogato di Settimana Enigmistica (la rivista che vanta innumerevoli tentativi di imitazione) e nel tentare di risolvere il cruciverba insieme abbiamo insultato a lungo il cruciverbista che voleva farci indovinare PÉCUCHET con una definizione tipo: con Bouvard nel romanzo incompiuto di Flaubert.
successivamente sono giunti in piscina anche Luca ed Enrico, il che ci ha condotto, essendo tutti iscritti al circolo, a farci un selfie come Arci Persichello.

Bene.
Oggi Claudio ha trovato su Repubblica un articolo intitolato:
FACCIAMOCI UN SELFIE CON BOUVARD E PÉCUCHET
ritrovo Bouvard e Pécuchet su Internazionale
ri-ritrovo Bouvard e Pécuchet nella recensione de "Il libro dei mostri" di Juan Rodolfo Wilcock che Jacopo Narros (già JFN su Lapisvedese) ha scritto sulla rivista online La Balena Bianca.
Ri-ri-ritrovo Bouvard e Pécuchet come ispirazione di Io vivo altrove!, il primo film da regista di Giuseppe Battiston.
Il film è dichiaratamente la trasposizione moderna e in Italia dell'ultimo romanzo, incompiuto, di Gustave Flaubert.
Io vivo altrove! sarà proiettato venerdì 5 maggio 2023 al cinema Filo, alla presenza dell'autore, regista e interprete, Giuseppe Battiston, con il quale avrò l'onore e il piacere di dialogare sul palco, al termine della proiezione.
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 6042
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

Ogni tanto, chiedo a Snorky quale album dovrei ascoltare in cuffia mentre cammino verso il lavoro.
Il suo ultimo suggerimento è stato: «Un disco dei Pearl Jam», e così ieri, andando, ho optato per No Code.
Durante il ritorno notturno, scroccando un passaggétto in macchina alla collega rocker, le dico della mia scelta.
Al mio nominare il titolo, ella estrae al volo No Code in cd, che giaceva solitario nel cassetto superiore del cruscotto.
In mattinata, ho dovuto mettere No Code – nella splendida edizione che Q mi regalò per i miei 39 anni – sul giradischi.
Around The Bend sta giungendo a conclusione proprio adesso, mentre pubblico il post.
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 6042
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

Ieri, al cine, il collega Epicureo e io.
Sala vuota, dopo che il pubblico l'ha lasciata.
Con occhio di falco, avvisto per terra 10 centesimi (e un orecchino).
«Soldi!», esclamo, con un'ampia dose di ironia.
Mentre raccolgo la moneta, il mio sguardo intercetta altro denaro nel portabicchiere della poltroncina vicina.
«Soldissimi!», rincaro la dose, ma ora sul serio, perché ho intuito che stavolta l'importo sarà maggiore.
«Sette euro!», mi fa eco Epicureo, che si trova almeno un paio di passi dietro di me.
E così estraggo dal portabicchiere la banconota da 5 € e le due monete da 1 € dimenticate lì.
Assurdo.
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7700
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

Lo zapping televisivo e l'incrocio dei cast hollywoodiani / cinematografici / seriali sono generatori di coincidenze per niente assurde, ma l'incrocio che mi è appena occorso è a dir poco bizzarro.

Su Rai 4 è in onda 47 metri - Uncaged, filmetto debolissimo del 2019 sull'avventura esotica condita da squali di quattro belle ragazze ammerigane tra cui Sistine Rose Stallone.

Sequenza rapidissima:
  • Penso: ma Sistine Rose Stallone è la figlia di Sylvester Stallone?
  • IMDb me lo conferma nella sezione Quriosità.
  • Penso: OK, è tempo di cambiare canale.
  • Premo P+ sul telecomando.
  • Mi appare sullo schermo il faccione di Sylvester Stallone, padre di Sistine Rose.
A rendere tutto bizzarro è che quest'altro film era su IRIS, quindi non c'è da pensare a qualche correlazione di programmazione Stalloniana in quanto un film era su canale RAI e l'altro su canale Mediaset e soprattutto che il film con Sylvester era D-Tox, film del 2002 di cui nemmeno sospettavo l'esistenza, fino a pochi minuti fa e siquramente tra i film meno visti di Sly.
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Rispondi