Doppiaggio e adattamento, flagelli di dio

Le cinéma (abréviation de cinématographe) est une projection visuelle en mouvement, le plus souvent sonorisée.

Moderatore: maio

Avatar utente
Vitellozzo
Maestro
Maestro
Messaggi: 578
Iscritto il: 02/11/2005, 21:56

Mi sembra di capire che dire di guardare film in lingua originale faccia figo... è come ascoltare la messa in latino, dai.
Voglio vedere poi quanto si potrà capire di un film, senza conoscere la lingua a menadito...
al massimo, si potrà credere di avere compreso tutto ciò che c'era da capire, convincere se stessi di questo, e poi gloriarsi della propria conoscenza.
Allora non ha più senso tradurre i libri, per esempio? O dovremmo leggerli a partire dal testo originale a fronte?
Ultima modifica di Vitellozzo il 21/06/2007, 12:30, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Stanghe
Esperto
Esperto
Messaggi: 254
Iscritto il: 13/06/2005, 11:20
Località: Stoccarda - Germania
Contatta:

io più che un cinefilo mi definirei un cinofilo, però ribadisco: quando sento un Celentano doppiato in tedesco mi si sodano i c°§li°ni...
immaginatevi Totò doppiato... in che lingua? uguale, farebbe schifo!
Ultima modifica di Stanghe il 21/06/2007, 12:33, modificato 1 volta in totale.
Ranca

Io di solito differenzio tra due "fasce"

- I film belli e che mi piace/interessa apprezzare fino in fondo, che mi compro in DVD appena escono cosi' posso guardarmeli in lingua originale (preferisco di gran lunga aiutarmi con i sottotitoli in inglese piuttosto che in italiano)

- I film del cavolo che non hanno un grande valore e allora ci sta anche guardarseli, che so, in DIVX

Il doppiaggio in italia e' un'arma a doppio taglio. Se da una parte rende accessibili a molta piu' gente i film, dall'altra e' uno stupro dell'opera originale in gran parte dei casi.
I film che piu' vengono penalizzati secondo me sono quelli giapponesi, si perde tutta quella particolare enfasi nei dialoghi che solo nella versione originale si riesce ad aooprezzare
Avatar utente
gasta
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 5236
Iscritto il: 17/03/2005, 20:51
Località: Cremona
Contatta:

Se vedi un cane che abbaia e senti che abbaia, il tuo cervello ha un'informazione precisa.
Se vedi un cane che abbaia ma senti che declama dante, il tuo cervello riceve un'informazione un po' confusa.

Anzi, il mio cervello.
Se il tuo cervello no, mi spiace per te.

Io voglio sentire un cane abbaiare, non voglio un attore con la voce impostata.

Se ti abitui a guardare i film in lingua originale, poi non torni piu' indietro.
Non fa figo.
Almeno, non mi sono mai fatto una tipa perche' guardo i film in lingua originale.
Pero' e' un'idea.

Comunque, ho letto On the road in italiano. Non mi e' piaciuto per niente.
Ho letto On the road in Inglese, ed e' stata un'altra cosa.
Se leggi shakespeare in inglese e' da godere.
Magari non capisci tutto, ma e' musicale.
Sul libro di Palahniuk no, chissenefrega. Tanto si sbudellano lo stesso.

Provate a guardare THE SCIENCE OF SLEEP in lingua.
Innanzitutto smettete di chiamarlo con un nome completamente sbagliato.
Poi godete del bouquet linguistico.

Quoto Ranca, per il resto.
Ultima modifica di maio il 21/06/2007, 14:25, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Stanghe
Esperto
Esperto
Messaggi: 254
Iscritto il: 13/06/2005, 11:20
Località: Stoccarda - Germania
Contatta:

Potrebbe essere un inizio per imparare la lingua o migliorarla.
Non credo che i libri si possano paragonare, è un'altra cosa...
Avatar utente
ilpoldo
Maestro
Maestro
Messaggi: 718
Iscritto il: 24/10/2005, 0:00
Località: UK
Contatta:

baol, ti saresti guardato skins doppiato italiano con una spruzzata di romano o di milanese giusto per far passare la parlata giovane?
sto parlando anche di TV.
non e' una questione di atteggiarmi a cinefilo-anglofono dato che sono scarsino in entrambe le cose... voglio solo dire che:
- le differenze ci sono e non puoi sostenere che non esistono se conosci entrambe le versioni.
- chi ci va di mezzo di sicuro sono i lavori fuori dagli schemi o le cose innovative, che si trovino in un film distribuito ovunque o meno (vedi tutta la nostra diffidenza verso un sacco di soliti film americani etc).
- e' solo una questione di abitudine, ed e' una buona abitudine.
- riconosco la bravura di molti doppiatori (ed e' un gran vantaggio avere questa tradizione quando ci passano per le mani pezzi di animazione)
- e poi se tanto vuoi sentire l'italiano ti guardi un film italiano che non sarebbe una brutta idea.
Ultima modifica di maio il 21/06/2007, 14:39, modificato 1 volta in totale.
excitable boy
Avatar utente
ilpoldo
Maestro
Maestro
Messaggi: 718
Iscritto il: 24/10/2005, 0:00
Località: UK
Contatta:

un pirla come me che gli pesa il çul0 studiarsi la grammatica l'inglese lo conosce bene perche' ci si e' guardato un bel po' di film e alcuni piu' e piu' volte. Basta andare nel menu' audio dei dvd preferiti e il gioco e' fatto.
ed e' proprio in luce di questo che continuo a ripetere: anche se il film fosse la stessa identica cosa, a maggior ragione se gia' lo conosci a memoria e' comunque una buonissima abitudine guardartelo in lingua.
io non sto dicendo che tutti dovrebbero guardare film sottotitolati... dico solo che la gente dovrebbe prendere l'abitudine di guardare anche film in lingua e che e' una buona abitudine.
vorrei solo che fossero piu' a portata nelle sale.

Poi come regola generale bisognerebbe aspettare a demolire un film/serie TV perche' certe volte potrebbe essere colpa del doppiaggio/traduzione: possono passare sopra a certe cose come uno schiacciasassi.
es Battlestar Galactica, che consiglio a tutti voi: probabilmente chi ha curato l'edizione manco si e' posto il problema che andasse ben oltre gli orizzonti del genere e l'edizione italiana meritava molto piu' che essere trattata come la sorella scema di star trek.
Ultima modifica di ilpoldo il 21/06/2007, 18:13, modificato 1 volta in totale.
excitable boy
Ranca

E' una posizione giustissima e comprensibile quella di chi, tra un film sottotitolato e lo stesso film doppiato bene, preferisce un film doppiato bene.
La situazione e' differente quando parliamo di adattamenti terrificanti (che non c'entrano niente con il doppiatore) o di alcuni doppiaggi di film di animazione in cui vengono messi davanti a un microfono dei completi incapaci ("Shark tale" in lingua originale e' uno SPETTACOLO, per citarne uno).
A questo punto, piuttosto di sentirmi una versione stuprata preferisco guardarmi con un po' di sforzo l'originale.
Avatar utente
ilpoldo
Maestro
Maestro
Messaggi: 718
Iscritto il: 24/10/2005, 0:00
Località: UK
Contatta:

kubrick e' proprio uno di quei casi in cui per quanto buono possa essere il doppiaggio per quanto buona possa essere la traduzione non e' la stessa cosa. Me lo sono guardato per la prima volta in quinta liceo (quando era uscito il cofanettone DVD) e non l'ho mai visto in italiano.
Cosi' come 2001, Lolita, Dr.Strangelove, A Clockwork orange per intero etc... Tipo: eyes wide shut doppiato? manco se mi legano alla sedia. e' un altro film..
Ho capito subito il monologo? No, alla terza volta che mi son guardato il film pero' si.

Vale lo stesso per tutti i film? No.
Esistono film che per chi cura l'edizione italiana sono assolute puttanate, esistono personaggi che per i loro doppiatori non stanno in cielo né in terra e questo nel doppiaggio si sente. Certo, non te ne accorgi. Esci dalla sala e pensi -che film del c@xxo- e magari e' solo per come e' stato doppiato. Come ho gia' scritto prima esistono certe situazioni in cui il doppiaggio e' un passaggio particolarmente rischioso.
Ultima modifica di ilpoldo il 22/06/2007, 15:34, modificato 1 volta in totale.
excitable boy
Ranca

A me fanno strippare le voci dei giapponesi. Danno un'enfasi completamente differente alle battute, ed e' assolutamente impossibile da riprodurre nel doppiaggio, se un doppiatore italiano cercasse di dare lo stesso tono dell'attore giapponese sembrerebbe un emerito imbecille...
Avatar utente
andy b
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 2358
Iscritto il: 10/08/2006, 11:22
Località: cremona

ok l'enfasi ma non capiresti un emerito pennellone baffuto.
che senso ha guardare un film se non capisci i dialoghi?
è come ascoltare una canzone senza poterne (o volerne) sentire il testo.
Ultima modifica di andy b il 22/06/2007, 15:52, modificato 1 volta in totale.
T.V.Andy B. - Godi baby,godi. non c'è più ma lo amo lo stesso
Avatar utente
ilpoldo
Maestro
Maestro
Messaggi: 718
Iscritto il: 24/10/2005, 0:00
Località: UK
Contatta:

a me non me ne frega un c@xxo se qualcuno pensa che me la sto menando perche' guardo film in lingua: paradossalmente mi frega molto di piu' che lo facciano anche loro ogni tanto...
a certi film/serie sono affezionato e mi dispiace se qualcuno le scarta perche' qualche coglione ha pensato che in italia sarebbe stato comunque destinato all'oblio (e non sto parlando di cinema d'autore o quant'altro) e gli ha schiaffato sopra un'edizione di m.rd@.
excitable boy
Avatar utente
gasta
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 5236
Iscritto il: 17/03/2005, 20:51
Località: Cremona
Contatta:

Se e' cosi' figo se scrivo che guardo i film in lingua originale, allora mi faro' una bella magliettina.

IO MI GUARDO I FILM IN LINGUA ORIGINALE.
SCOPIAMO?
Ultima modifica di gasta il 22/06/2007, 19:18, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
ilpoldo
Maestro
Maestro
Messaggi: 718
Iscritto il: 24/10/2005, 0:00
Località: UK
Contatta:

avrebbe sicuramente funzionato dove sono stato stasera...
ma non quanto:

SONO BIANCO E STUPIDO, MA RESPIRO.
SCOPIAMO?

Comunque ora cerco solo di convincere la gente a sbattersi e farlo ogni tanto se ne vale la pena. Dopo un po', a essere sincero, non ricordi manco in che lingua l'hai visto il tal film, tolte certe eccezioni. Pero' quando ti capita di inciampare nell'altra versione non puoi non ricordare che hai gia' visto il film nella sua lingua originale e il doppiaggio fa cagare/nella versione doppiata e la lingua e' molto meglio.
Ultima modifica di ilpoldo il 23/06/2007, 1:42, modificato 1 volta in totale.
excitable boy
Avatar utente
gasta
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 5236
Iscritto il: 17/03/2005, 20:51
Località: Cremona
Contatta:

Ecco, e' successo di nuovo.

BE KIND REWIND ➡ Gli acchiappafilm

FUCK!
Avatar utente
Sgt.Pepper
Esperto
Esperto
Messaggi: 463
Iscritto il: 02/04/2008, 17:16

Succede sempre.
Anche durante il film, ma niente di trascendentale, espressioni idiomatiche che non avremmo capito.
Certo è che però come al solito i traduttori convertono in modo molto infantile, romanesco e politicamente corretto.
'Zomma na traggèdia.
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 5287
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

gasta ha scritto:
25/05/2008, 11:20
BE KIND REWIND ➡ Gli acchiappafilm
Per la precisione:

Be Kind RewindBe Kind Rewind - Gli acchiappafilm

L'adattamento italiano vede solo l'aggiunta del (certamente inutile) sottotitolo, ma il titolo originale si è mantenuto, per fortuna.
Insomma, non siamo assolutamente ai livelli di scempio di Eternal Sunshine Of The Spotless Mind, per intenderci.

Il caso più lampante di adattamento italiano e sue conseguenze: Jack Black e Mos Def si inventano un aggettivo mutuato dal nome di uno Stato per i film rifatti da loro: in originale è la Svezia (Sweden), da cui «to swede», da cui «sweded». In Italia è diventato il Marocco, da cui il verbo «maroccare» e l'aggettivo «maroccato», che a noi ricorda sia "taroccato" che la roba falsa/pirata che di solito vende "il marocchino".
Per cui, anche solo in questo adattamento, nella versione italiana si aggiunge un effetto di senso che in quella originale non c'è.
Ok, «sveziato» o «svedesato» forse non sarebbero stati il massimo, ma tant'è.
Comunque, il film è molto bello.
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
viciousburger
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 2353
Iscritto il: 18/10/2005, 16:59
Contatta:

magari a new york invece dei marocchini che ti vendono cd vuoti ai lati delle strade, sono gli svedesi alti, belli, biondi e con gli occhi azzurri che te li vendono.
grande paese, l'america, hanno tutto di migliore.
i'm forever blowing bubbles.
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7104
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

l'attenzione sulla morte di eric rohmer mi porta a scoprire lo stupro perpetrato ai titoli dei suoi film
in particolare tra il 1990 e il 1998 il regista francese realizzò quattro film:
  • Racconto di primavera (Conte de printemps)
  • Racconto d'inverno (Conte d'hiver)
  • Un ragazzo, tre ragazze (Conte d'été)
  • Racconto d'autunno (Conte d'automne)
ma fi§@!
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Rispondi