Film poco noti, ma sicuramente tra i migliori

Le cinéma (abréviation de cinématographe) est une projection visuelle en mouvement, le plus souvent sonorisée.

Moderatore: maio

Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 5448
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

ilpoldo ha scritto: 08/08/2007, 2:52mi sono guardato Tromeo & Juliet (bleah)
Con immenso ritardo, ho colmato la lacuna: stasera ho visto Tromeo & Juliet e non sono affatto d'accordo con ilpoldo.
Prima di vedere il film non avrei creduto di scriverlo, oppure avrei creduto di scriverlo con ironia, e invece no: mi è piaciuto.
Perché la famigerata pellicola del 1996, diretta da Lloyd Kaufman (assieme al non accreditato James Gunn), mi ha convinto?
Butto lì una manciata di motivi.

È la dimostrazione che un film è tanto più vitale quanto più il suo regista vuole davvero girarlo.
I dialoghi includono ampi segmenti della tragedia shakespeariana, non alterati e direi ben cuciti.
Attrici e attori non recitano niente male! Credevo di dovermi sorbire un branco di incapaci, e invece.
Il ruolo di Lemmy come narratore (in campo e fuori campo) ha fatto epoca nel cinema underground.
La colonna sonora è una summa anni Novanta, dall'hard rock (Motörhead) al metal estremo (Brujeria).
Personalmente mi sono innamorato del brano dei Superchunk che accompagna i (deliranti) titoli di coda.

Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 5448
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

L'uomo che venne dalla Terra, di Richard Schenkman, del 2007, girato in una stanza, con meno di dieci attori e un budget di due pacchetti di noccioline, è un classico brutto trip che può affascinare gli amanti della fantascienza parlata, teorica, senza effetti speciali né dispendio di mezzi, tant'è che potrebbe funzionare benissimo anche come spettacolo teatrale (immagino anzi che qualcuno si sia già cimentato nella riduzione). L'intelligente sceneggiatura del film è l'ultimo lascito dell'autore sci-fi Jerome Bixby.
Le sensazioni dopo la visione assomigliano a quelle che lasciano certi romanzi usciti nella collana Urania.
Interessante, infine, il fatto che il film, distribuito all'uscita nei circuiti indipendenti, abbia poi conosciuto una certa notorietà grazie al download illegale e più interessante ancora il fatto che ciò abbia incontrato il favore della produzione.
Wikipedia ha scritto:In quella che è probabilmente una mossa senza precedenti, il produttore di questo film, Eric D. Wilkinson, ha pubblicamente ringraziato gli utenti di BitTorrent che hanno distribuito il film senza avere permesso esplicito nei circuiti di file sharing, affermando che ciò ha innalzato il profilo di questo prodotto molto al di là delle aspettative dei finanziatori. I produttori Schenkman e Wilkinson hanno tutti scritto commenti sui forum di IMDb rispondendo alle domande dei fan.
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 5448
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

ilpoldo ha scritto: 08/08/2007, 2:52Surf Nazis Must Die
Alla fine del film, mi trovo soddisfatto: i surfisti nazi muoiono, per mano della persona più indicata per ucciderli.
Scherzi a parte, pur con tutti i difetti della pellicola di serie C che in fondo è, Surf Nazis Must Die vale una visione.
Qui sì la recitazione è da cagnacci maledetti, mentre la colonna sonora new wave m'è parsa ottima. Viva la Troma!
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Rispondi