Il rispetto per gli strumenti musicali

Tutto ciò che vuoi sapere o dire sulla tua musica preferita o odiata

Moderatore: McA

Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 5272
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

unanota ha scritto:
06/09/2006, 14:41
Riguardo al più stretto oggetto del topic, vorrei inizialmente ricordare che finora il cantante dei Sydrojé (tanto abbiamo già fatto nomi e cognomi) non ha spaccato alcuna chitarra. Nè l'altra sera, nè quando l'ha lanciata rovinosamente giù dal palco, mesi fa.
Credo che la parte che ho sottolineato non corrisponda alla realtà. Alla Festa Della Musica di giugno deve averla proprio sfasciata del tutto, tanto che l'altra sera non l'ha usata.
Comunque, ho detto, ridetto e stradetto ciò che penso. Ci sono due opinioni principali, in questo topic.
1) Di base, in generale, in un tempo x e in un luogo y, apprezzo un rocker che sfascia una chitarra, per tot motivi (McA, Arthur).
2) Di base, in generale, in un tempo x e in un luogo y, non apprezzo un rocker che sfascia una chitarra, per tot motivi (tutti gli altri).
Non è che io abbia molto altro da dire.
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
ianpaice
Supremo
Supremo
Messaggi: 958
Iscritto il: 27/12/2005, 16:16
Contatta:

McA possiede la Conoscenza, e io per questo lo amo: al mio prossimo concerto (tale venerdì otto), ho deciso, distruggerò una chitarra

quello che mi premeva però sapere, da quanto letto nei post precedenti, è: tale cantante dei sidrojè ha davvero mandato a fare in çul° il  SUO pubblico?

se sì, disprezzo massimo (e penso che McA sia d'accordo)

mandare a fanculo il pubblico non è rock: è da c°§li°ni (sia che l'abbia fatto tale stefano, sia il cantante dei verdena, frega un c@xxo): il pubblico ti adora, è li a sentirti, ha fatto di te quello che sei diventato (puoi essere il migliore del mondo, ma se nessuno ti caga...) e tu li mandi a fare in çul°?

ma vaffanculo tu, stronzo

(personalmente, quando tale stefano ha mandato a fare in çul° il pubblico, non mi sono ritenuto offeso, in quanto io non sono del suo pubblico)

(e comunque non lo farei mai perchè nel mio pubblico c'è McA)
World was on fire, no one could save me but you.
Avatar utente
viciousburger
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 2353
Iscritto il: 18/10/2005, 16:59
Contatta:

mi chiedo cosa importi a tutti quanti voi se uno spacca una chitarra.
mica rompe la vostra.
se ha voglia di farlo, che la rompa.
i'm forever blowing bubbles.
Avatar utente
gasta
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 5236
Iscritto il: 17/03/2005, 20:51
Località: Cremona
Contatta:

arthur ha scritto:
06/09/2006, 15:26
Kurt aveva tanta rabbia..
Se voi non avete dentro la vera rabbia non potete parlare di certe cose così delicate... scusate ma non credo che il cantante dei Sydrojè avesse voluto alzare tutte queste polemiche contro di lui...
E' cosi'?
Se il cantante dei Sidroje' ha dentro tanta rabbia, ok. E' un passettino in piu'.
Sai che ti dico? Che mi sta bene. Se il cantante dei Sidroje' spacca la chitarra CON UN MOTIVO, ok. Mi sta bene.
C'e' gente che per sfogare la sua rabbia picchia la moglie.
Lui sfascia la chitarra.
Io mi faccio una sega.
Non sono ironico. Lo rispetto.
Era quello che volevo sentire.
Se per lui (te?) e' un gesto catartico, fai bene.

Mi dispiace, comunque, per la chitarra. E magari e' colpa mia. Perche' ho 27 anni e non ne ho mai avuta una. Forse sono un represso del c@xxo e basta. Forse ho sempre sognato di prendere al volo il plettro lanciato verso il pubblico, di portarmi a casa la chitarra di Gossard. Vado da Cavalli, vedo le Les Paul a 4000 euro e mi vien da piangere. Anche perche' poi io non so suonare...
McA ha scritto:
06/09/2006, 15:29
1) Di base, in generale, in un tempo x e in un luogo y, apprezzo un rocker che sfascia una chitarra, per tot motivi (McA, Arthur).
Sai che io non ho capito perche' lo apprezzi?
Perche' un rocker sfascia la chitarra, cosi' facendo, rockeggia? Incarna il rock?
Ma se lui lo fa SENZA MOTIVO, non ti dovrebbe dare emozioni, o no?

McA, sentiamo le tue unghie che stridono su specchi alti mille miglia.
Avatar utente
gasta
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 5236
Iscritto il: 17/03/2005, 20:51
Località: Cremona
Contatta:

arthur ha scritto:
06/09/2006, 15:26
Se voi non avete dentro la vera rabbia non potete parlare di certe cose così delicate... scusate ma non credo che il cantante dei Sydrojè avesse voluto alzare tutte queste polemiche contro di lui...
io credo solo che voglia esprimere quello che prova veramente...
Se è così.. è così.
Perchè altrimenti? Per farsi odiare da tutti voi? Non credo che questo sia molto divertente... proprio per niente.
Nessuno dice niente del genere sul cantante dei Sydrojé.
Ok?
Frena, davvero, rileggi, se vuoi.
Ma non pensare che qui qualcuno stia facendo i conti in tasca a lui, dicendo che non puo' star male o prendendo in giro.
Questo voglio che sia chiaro.

Quello che dico e' che mi fa male vedere una chitarra violentata. Non solo da lui, eh, ma da chiunque. Compreso Cobain.

Poi leggo la storia di Cobain, il suo rapporto con le case discografiche e un po' lo capisco.
Poi tu (che immagino conosci il cantante dei Sidroje') mi dici che lui lo fa per sfogare la sua rabbia e allora lo capisco benissimo.
Per me va bene cosi', davvero.
Massimo rispetto.

Di certo e' una risposta molto piu' intelligente (nella follia e violenza del gesto) di "spacco la chitarra per rockeggiare" o "perche' mi va".
Tutto qua.

Nessuno giudica. Nessuno qui sa niente.
Io ho visto un'esibizione e mi sono posto alcune domande.
Ho tentato di generalizzare un comportamento.
Ho tentato di intavolare una discussione.
Mi spiace che i toni siano diventati roventi.
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 5272
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

gasta ha scritto:
06/09/2006, 15:50
Mi dispiace, comunque, per la chitarra. E magari e' colpa mia. Perche' ho 27 anni e non ne ho mai avuta una. Forse sono un represso del c@xxo e basta. Forse ho sempre sognato di prendere al volo il plettro lanciato verso il pubblico, di portarmi a casa la chitarra di Gossard. Vado da Cavalli, vedo le Les Paul a 4000 euro e mi vien da piangere. Anche perche' poi io non so suonare...
Ecco, Gasta, per te fra le due cose c'è opposizione. Per me, invece, non c'è tanta differenza tra desiderare la chitarra della rockstar X e apprezzare quando X sfascia quella stessa chitarra. Non c'è tanta differenza tra voler prendere al volo il plettro o la bacchetta e pigliarsi bene se Paul Simonon dei Clash sfascia il basso sul palco e gli fanno una fotografia che è entrata nella storia. Sono tutti stilemi rock. Io apprezzo tutti quelli che hai citato. Ai tuoi io aggiungo il guitar smash, che invece tu non apprezzi. Bon. Ma tra lo sfasciare la chitarra e lo sfasciarsi di Jack Daniel's non c'è tanta differenza. Sì, come hai detto tu, la motivazione è che sono cose che incarnano il rock'n'roll. Semplicemente, tu odi una di queste. Io potrei essere un rocker straight edge che ama la distruzione delle chitarre ma odia gli stilemi dell'alcol e della droga. Il fatto che io li odi non li fa decadere dall'essere stereotipi rock.
Riguardo all'altra cosa, se qualcosa viene fatto senza motivo, o istintualmente ecc., non vedo perché non dovrebbe dare emozioni.
gasta ha scritto:
06/09/2006, 15:50
McA, sentiamo le tue unghie che stridono su specchi alti mille miglia.
Io non mi sto arrampicando su nessuno specchio! Sto semplicemente dicendo che mi piace, mi piglia bene vedere un rocker che spacca la chitarra, che sia Paul Stanley o Stefano Scrima! Non è una tesi molto complicata da sostenere! Se vedo Roger Taylor dei Queen che ribalta la batteria alla fine di Live At The Rainbow, mi piglio bene! Non mi viene da dire: "Ma piuttosto regalamela, sarà una batteria da 10000 sterline!". Ma che ne distrugga pure un miliardo, di batterie!
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
gasta
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 5236
Iscritto il: 17/03/2005, 20:51
Località: Cremona
Contatta:

McA ha scritto:
06/09/2006, 16:09
Riguardo all'altra cosa, se qualcosa viene fatto senza motivo, o istintualmente ecc., non vedo perché non dovrebbe dare emozioni.
Ok.
Ti senti riempito e godi nel vedere distruggere una chitarra.
Io piango.
Ti senti riempito e godi nel vedere Phil Anselmo che si spacca la testa col microfono e dopo 20 secondi finisce il concerto.
Io rimpiango. Io amo Phil Anselmo. Ma non me ne puo' fregare di meno se ha un rigolo di sangue sulla fronte.
Ti senti riempito se i Guns sfasciano gli hotel? Incarnano il rock.
Me ne fotte sega.
Scott Weiland smette di cantare negli Stone Temple Pilots per diventare un parruccone? Ma che se ne vada a fottersi lui, la m.rd@ che si infila in vena, se quello che fa e' senza motivo, se quello che fa e' per il ROCK.

Stereotipi antichi, stravecchi, che puzzano di marcio.
E comunque continui a citarmi gruppi STORICI. Gli Who, i Police...

Domani vedi i Franz Ferdinand che sfasciano la chitarra? WOW, CHE SBALLO!!!

Bah.
McA, comunque e' la tua posizione. E, rispetto ai primi post, e' molto piu' smussata. Prima pesava una tonnellata e aveva la pretesa di spiegarci il rock vero cosa e'.
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 5272
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

gasta ha scritto:
06/09/2006, 16:20
Ok.
Ti senti riempito e godi nel vedere distruggere una chitarra.
Io piango.
Ti senti riempito e godi nel vedere Phil Anselmo che si spacca la testa col microfono e dopo 20 secondi finisce il concerto.
Io rimpiango. Io amo Phil Anselmo. Ma non me ne puo' fregare di meno se ha un rigolo di sangue sulla fronte.
Ti senti riempito se i Guns sfasciano gli hotel? Incarnano il rock.
Me ne fotte sega.
Scott Weiland smette di cantare negli Stone Temple Pilots per diventare un parruccone? Ma che se ne vada a fottersi lui, la m.rd@ che si infila in vena, se quello che fa e' senza motivo, se quello che fa e' per il ROCK.
Mi sento riempito e godo soprattutto nell'ascoltare rock'n'roll, se poi c'è un contorno di chitarre sfasciate, camere d'albergo, groupie, alcol, droga ecc., non mi dispiace affatto.
I Velvet Revolver spaccano.
gasta ha scritto:
06/09/2006, 16:20
McA, comunque e' la tua posizione. E, rispetto ai primi post, e' molto piu' smussata. Prima pesava una tonnellata e aveva la pretesa di spiegarci il rock vero cosa e'.
Mai avuta la pretesa di spiegarvi il rock vero cosa è, e la mia posizione non cambia di una virgola rispetto al mio primo post.
Non utilizzare sottili artifizi retorici per far credere ai posteri di avermi fatto parzialmente ritrattare.
Io non ritratto su nulla.
Ultima modifica di McA il 10/03/2008, 4:34, modificato 1 volta in totale.
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
gasta
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 5236
Iscritto il: 17/03/2005, 20:51
Località: Cremona
Contatta:

Vedi, in questo do ragione a Molo.
Prendere uno stereotipo e passarlo con la carta copiatrice e' una stronzata, a parer mio.
Sia che lo stereotipo di cui si tratta e' IL ROCK o L'HIPHOP o IL PUNK.

Siamo a Cremona.
Il massimo esponente del rock a Cremona e' LA VECIA GOGA.
E Zazzi, chiaramente.
Avatar utente
unanota
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 1693
Iscritto il: 19/10/2005, 21:55
Località: milano/cremona
Contatta:

Ma di cosa si parlava?
Questa discussione è purtroppo degenerata.
"Il rispetto per gli strumenti musicali", iniziato volutamente senza fare nomi e allusioni, è ora una guerra al cantante dei Sydrojé. O ad Arthur. Già, perché stando allo schemino di McA, di quei due punti divisi in "apprezzo le rockstar che sfasciano la chitarra" e "non apprezzo blablabla", il primo non regge proprio. Mi sembra che i promotori, McA ed Arthur, sostengano cose completamente diverse. Ho già scritto che trovo ridicola quella di McA, non ho problemi a ripeterlo e non mi interessa proprio parlarne, mentre la motivazione di Arthur nasce da ben altro, da questioni e sentimenti personali, e questo -seppur non condividendolo- merita diversa attenzione.

I testi e le musiche scritte dai Sydrojé bastano da sole ad esternare queste sensazioni. Per quanto mi riguarda, se Stefano spacca la sua chitarra o manda a fare in çul° il suo pubblico (per cui, sì, è importante), non mi comunica nulla di nuovo o diverso (nuovo a riguardo delle sue sensazioni, che già colgo nei testi, non "nuovo" a livello di gesto mai fatto da altri, sia chiaro cosa intendo!). E' solo questo che critico nell'atto di spaccare il proprio strumento, o che non condivido. Poi lui può fare ciò che crede e che sente. Intanto, con questo thread, è al centro dell'attenzione.

Leggerò con attenzione l'intervista.
...delle chitarre che non fanno più cheke-cheke ma fuzz-fuzz.

MIODI.BLOGSPOT.COM /// ROCKIT.IT/MIODI
Avatar utente
jaco1988
Maestro
Maestro
Messaggi: 611
Iscritto il: 18/12/2005, 14:10

arthur ha scritto:
06/09/2006, 15:26
vorrei dire una cosa a Jaco1988
Caro arthur chissa perchè hai proprio fatto saltar fuori il mio nome...
hai sentito la parola sidrojè?no!!sei il loro avvocato difensore?
fidati ke non  ne hanno certo bisogno!!!
comunque, se vuoi sapere chi sono non sono un emerito c@xxo di nessuno...sono solo un puntino in questo mondo...
Io la penso così..e non parlo di sidrojè e di un c@xxo di nessuno...se io spacco un basso è una pagliacciata  tutto qua...
si dice che la musica è "sentimento", almeno non per tutti...allora perchè non trasmetterla in un pezzo o in più di uno questa rabbia!!!perchè devi spaccare uno strumento? sei in cazzato..urla, fai quel c@xxo che vuoi..ci sono miliardi di modi per trasmettere la propria rabbia!!
io sono uno di quelli alla "Jaco" nel senso ke così come jaco era in simbiosi con il suo basso per me ogni musicista lo dovrebbe essere con il proprio strumento..per me!!non parlo ne di + bravo e ne di meno bravo..io vivo ilrapposrto con il mio strumento così...
E ripeto..se sei come l'eddieobrian della situazione che non sa discutere e sei venuto a fare l'avvocato difensore dillo subito, almeno non rispondo nemmeno ai tuoi post...ripeto i sidrojè non hanno bisogno dell'avvocato difensore!!!
Avatar utente
marlenina
Supremo
Supremo
Messaggi: 904
Iscritto il: 26/10/2005, 14:57
Località: Cremona

Bòn, dopo essermi vorticosamente letta tutta questa discussione sono giunta alla conclusione che sia meglio sfogare la propria rabbia come gli Einsturzende (o i Faust ;)).
Piazzate qualche bel bidone enorme sul palco, percuotetelo quanto volete, scagliate tubi di metallo, perforate qualche asse del palco con un martello pneumatico... io godrò.
...integrare la sconfinata equazione dell'universo per mezzo dell'Integrale elettrico di vetro, dal respiro di fuoco
signo
Maestro
Maestro
Messaggi: 521
Iscritto il: 14/02/2005, 18:32

McA ha scritto:
06/09/2006, 10:37
Critico questa frase, e quindi critico il titolo del topic, in quanto ritengo che spaccare una chitarra NON sia una mancanza di rispetto nei confronti di niente e di nessuno.
Non è una mancanza di rispetto nei confronti della chitarra.
Non è una mancanza di rispetto nei confronti di chi non ha una chitarra.
Non è una mancanza di rispetto nei confronti dei tuoi genitori che ti hanno dato i soldi per comprarla.
Non è una mancanza di rispetto nei confronti di te stesso, se hai lavoricchiato o simili per comprarla.
non sono d'accordo, e sono d'accordo con chi non è stato d'accordo con te.
o meglio, per come la vedo io, la seconda e la terza frase ti giuro che non le condividerò mai. la prima e la quarta sì, ognuno può fare quello che vuole.
Ranca ha scritto:
05/09/2006, 19:05
E comunque spaccare una chitarra non e' sempre stato inutile. Adesso e' anacronistico e di cattivo gusto.
concordo. in passato è stato fatto e la gente s'infiammava. ci stava.
chissà, se fossi stata lì magari mi sarei infiammata anch'io o magari no.

comunque. io ho amato immensamente un cantante, anche quando scatarrava sul pubblico. ci stava.
è riuscito a spaccare una chitarra all'mtv day (all'mtv day, my god..) per inconvenienti tecnici.
ha fatto un volo pindarico per tirare un pugno ad uno stronzo.

beh, io seguo ancora il gruppo ma con me lui ora ha un conto aperto. forse se mi fa dieci concerti superlativi riesco a riconciliarmi con lui.
marlenina ha scritto:
07/09/2006, 1:06
Bòn, dopo essermi vorticosamente letta tutta questa discussione sono giunta alla conclusione che sia meglio sfogare la propria rabbia come gli Einsturzende (o i Faust ;)).
Piazzate qualche bel bidone enorme sul palco, percuotetelo quanto volete, scagliate tubi di metallo, perforate qualche asse del palco con un martello pneumatico... io godrò.
io sì, ho goduto.

e non è detto che amare un gruppo significhi amare ogni gesto ed ogni peto che produce. io ne amo essenzialmente la musica.
Ultima modifica di McA il 07/09/2006, 16:04, modificato 1 volta in totale.
Prostataingrossata

La chitarra è uno strumento al servizio di uno show. Se lo show richiede la sua distruzione questa va distrutta (compatibilmente con la disponibilità economica del proprietario e con il valore intrinseco dell'oggetto). La chitarra è uno strumente il cui fine non è se stesso, non è l'emancipazione sociale dello strumentista e non è solo la musica ma LO SPETTACOLO.
Mancare di rispetto a una chitarra è non saper suonare (come spesso accade), è agghindarla della stessa divisa di chi la suona, è usare una classica in vece di una acustica, è comprarne un'imitazione. E' usarla come totem per la propria personalità alternativ-freakettona per combattere l'assurda battaglia di chi ha la riga fra i capelli e la camicia nei pantaloni. Mancare di rispetto ad una chitarra è non usarla al pieno delle sue potenzialità ma strimpellarla quanto basta per farsi notare.
Quando Landis nel primo Blues Brothers sfasciò 40 e più macchine qualcuno parlò di spreco? No perchè lo show era efficace in quel modo e quelle auto andavano distrutte anche se il presidente del Burkina Faso le avesse chieste per trasportare i bimbi affamati alla mensa del DLF.
La chitarra è un oggetto come un altro non va idolatrata, non è la spilletta che ti distingue dai ragazzi truzzi.
E poi se è anacronistico e fuori luogo rompere una chitarra non lo è anche fare i finti improvvisatori tipo "cantiamo all'osteria"? Non è stato fatto e rifatto? Non è anacronistico portarsi le bottiglie di vino sul palco e far finta di essere dei bevitori che si sballano con i prodotti sani e ruspanti (Ferretti nasconditi)? Non è anacronistico e visto e rivisto il mega gruppo etnico di simil fattanza con bongaaaaaaaas? Etc.
Eccheccazzo tutti fanno un personaggio trito e ritrito. Basta farlo con stile.
Non credo che la chitarra vada sfasciata per forza ma se uno strumentista della madonna (non parlo di Cremona) mi dimostrasse per due ore che con il suo strumento ha mille volte più feeling, che io con il mio pisello, e alla fine dovesse, in un impeto, spaccarmi la chitarra davanti non penserei mai: "già visto".

P.S. McA, mi getto tra le fiamme per te...
Ultima modifica di McA il 07/09/2006, 16:05, modificato 1 volta in totale.
Prof. Anteguerra

Non so. sono d'accordo con molti aspetti delle questione espressi da persone contrapposte fra loro.

Io sono Lionel Pretzel. non so cantare, non so suonare, imparo le canzoni a memoria perché non so leggere la musica, non ricordo i testi perchè spesso sono in slang e non capisco il significato.
però quando salgo sul palco mi diverto come un idiota. e non mi interessa se la gente si rompe il c@xxo ad ascoltarci. e non mi interessa se la gente che non ci conosce non capisce lo spirito con cui faccio questa cosa.
un giorno brucerò un kazoo da 0,50 euro. decidete voi il significato del perché lo faccio. alla fine il bello è questo.

non ho altro da dire su questo argomento. se non che McA avrebbe anche ragione, se non fosse sempre più spesso la parodia di sé stesso.
Ultima modifica di Prof. Anteguerra il 07/09/2006, 16:24, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 5272
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

Sgt. Pepper, grazie per questo intervento illuminante. Non avrei saputo esprimermi meglio.

Fra l'altro, finora ho evitato di mettere in crisi la stessa natura del titolo del topic.
Il rispetto per lo strumento musicale.
Ma siamo sicuri che abbia senso parlare di "rispetto" per un oggetto inanimato?
Ancora ancora, rispetto per gli oggetti inanimati pubblici (tipo, il rispetto di una panchina o di un'aiuola).
Ma un oggetto inanimato personale?
Se io adesso stritolo i miei occhiali da sole che ho qui a fianco a me, manco loro di... Rispetto?
'Nzomma, non so.
Siamo proprio al limite, tanto che mi verrebbe da dire che l'oggetto "strumento musicale" non risponde alla categoria "rispetto/irrispettosità". Risponde alla categoria "cura/incuria", ad esempio. Ma sfasciare una chitarra non è "non prendersene cura", non è "tenerla male", è sfasciarla.

Naturalmente sto escludendo questioni relative al valore affettivo che si può nutrire per un qualsiasi oggetto, il che potrebbe includere l'oggetto stesso tra le cose per cui si può avere rispetto o no.
Quindi, please, non replicatemi con cose tipo "la mia chitarra è sacra" o simili. Fra l'altro, distruggere la chitarra potrebbe anche essere un atto di Amore Supremo. Esempio banale: il concerto è stato talmente indimenticabile che distruggo la chitarra, "uccidendola" quando è all'apice, anziché utilizzarla in successivi concerti che potrebbero essere non più così belli.
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
gasta
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 5236
Iscritto il: 17/03/2005, 20:51
Località: Cremona
Contatta:

Vedi McA, vedi Pepper?
State dando un valore ad un gesto per cui per tot pagine noi abbiamo detto che DOVEVA AVERE UN SIGNIFICATO, e per tot pagine McA ha detto che e' solo un gesto VUOTO, un simbolo VUOTO del ROCK e del ROCKEGGIARE.

Adesso McA si mette a fare il filosofo. Beh, McA, come darti torto ora? Ti stai rimangiando le parole!
E comunque si, sono d'accordo con voi. Se distruggere la chitarra ha un significato del genere, ben venga.
La distruzione non dev'essere autoconclusa. Dev'essere azione per un fine, se vuoi catartico. E allora non stai piu' distruggendo una chitarra, ti stai elevando.
Cosa ben diversa..

Ora mi chiedo. Quanti hanno questo fuoco interiore da sentire di elevarsi?

La questione "oggetto inanimato" e quindi da non rispettare, McA, e' tremenda. Prima dici cosi', poi dici che serve per trascendere...
E' da quando e' nato l'uomo che si danno VALORI agli oggetti inanimati. Ad una bandiera, ad una croce, ad un meteorite nero.
Che c@xxo mi vieni a dire che non bisogna rispettare una chitarra?

Io credo che la chitarra, e te lo dico da musicista fallito da osteria, necessiti di rispetto, da parte di chiunque.
Ho 3 chitarre classiche (Pepper, poi mi spieghi il pippone sulla chitarra classica al posto dell'acustica... veramente senza senso) che puzzano di fumo, con vino rosso, sabbia, patatine, robba nella buca. Le ho usate, hanno vissuto con me.
Il giorno in cui una di queste (quella tappezzata di figurine) si e' rotta l'ho portata da un liutaio che me l'ha sistemata. Una SAKURA comprata da scaramuzza a 50 mila lire.

Rispetto per lo strumento. Lo capisce un musicista che non sa suonare come me. Lo capisce chiunque abbia imbracciato un manico. Chi non lo capisce, non lo so.
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 5272
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

Ecco, mi hai appena replicato con cose tipo "la mia chitarra è sacra" o simili.
E Paul Stanley dei Kiss, che non ha la sua chitarra perché ne cambia una ogni sera? E che le distrugge pure?
Deve non aver proprio capito un c@xxo della vita e del rock. Ecco, io sto dalla parte di Paul Stanley.
Ultima modifica di McA il 07/09/2006, 16:32, modificato 1 volta in totale.
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
gasta
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 5236
Iscritto il: 17/03/2005, 20:51
Località: Cremona
Contatta:

Ti ho detto ben altro.
c@xxo.
Leggile le cose invece di scrivere e basta.
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 5272
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

Gasta, per Diana, scrivi post di venti righe permeati da un sentimentalismo clamoroso.
Le chitarre vanno rispettate perché TU hai la TUA storica chitarra da una vita e se si rompe è un dramma e la fai aggiustare.
Io invece sono antiretorico. Sto parlando di Paul Stanley (che non sa da trent'anni cosa significa avere la propria chitarra, e la sfascia così, per il raghenroul), o di Stefano Scrima (che sa benissimo cosa significa avere la propria chitarra, e la sfascia o senza motivo, o per sfogarsi, o per motivi suoi, non so).
Io non ribalto la mia batteria in concerto semplicemente perché non è mia.
Se fosse mia, magari lo farei solo una volta ogni tanto.
O magari lo farei sempre.
E ti starei ampiamente sul c@xxo. Bon.
Io spero che il Prof. Anteguerra si decida, qualche volta, a dare davvero fuoco al kazoo. Voglio vedere chi si mette a rompere il c@xxo perché è una roba già vista o perché è irrispettoso nei confronti del suo storico kazoo.
Ultima modifica di McA il 08/01/2008, 5:40, modificato 1 volta in totale.
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Rispondi