L'ultimo libro che ho letto è...

Se vuoi fare il ciutto, è qui che devi scrivere.
Avatar utente
gasta
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 5236
Iscritto il: 17/03/2005, 20:51
Località: Cremona
Contatta:

18/07/2011, 13:25

Sto leggendo L'opera struggente di un formidabile genio, comprato perché in copertina c'erano due righe entusiastiche di DFW. Sono a pagina 150.
Stanotte l'istinto era quello di lanciare il libro dalla finestra.
Raramente ho trovato uno scrittore così pieno di sè e compiaciuto della propria dialettica.
Personaggi fastidiosissimi.
Gli dò altre 50 pagine e poi per la prima volta vedrete un libro entrare in orbita.
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7045
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

18/07/2011, 14:03

letto nel 2002
fantastico proprio perché dave eggers è la persona più piena di sè e compiaciuta della propria dialettica della storia dell'umanità.
del resto il titolo non lascia adito a dubbi.
e l'ex ragazzo ne aveva ben donde di considerarsi un genio, avendo poi creato McSweeney's e curato il Futuro dizionario d'America, oltre a varie cosette tipo la scuola di scrittura per ragazzi dei quartieri popolari...
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Avatar utente
gasta
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 5236
Iscritto il: 17/03/2005, 20:51
Località: Cremona
Contatta:

18/07/2011, 14:15

Bah, può essere anche il padreterno.
Ma è antipatico.
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7045
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

18/07/2011, 14:17

;D ;D ;D

“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 5201
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

21/06/2012, 18:00

Il penultimo libro che ho letto è La ragazza dai capelli strani, raccolta di racconti di David Foster Wallace, pubblicata la prima volta nel 1989 (quando il Nostro aveva 27 anni) e già contenente il Germe del Genio.

Immagine

L'ultimo libro che ho letto è Discorso su due piedi (il calcio), trascrizione di un dialogo del marzo 1998 tra Carmelo Bene ed enrico ghezzi (con le minuscole, sì). Veramente un Brutto Trip (d'altro canto, da due Sovrani del Brutto Trip non ci si può aspettare altro se non un Brutto Trip), nel quale vengono idolatrati Van Basten, Cruijff, Romario, Nesta..., e si parla anche di tanto altro al difuori del pallone.

Immagine
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 5201
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

01/09/2012, 20:50

Per dire quanto mi piace e mi intriga, non aspetto nemmeno di averlo finito (anzi, l'ho cominciato oggi, e sono attorno a pagina 100) per esprimere tutto il mio amore per Sei proprio il mio Typo. La vita segreta delle font, un saggio divertentissimo e monomaniacale dello scrittore inglese Simon Garfield. Storia dei caratteri da Gutenberg ai giorni nostri, menate di Ikea e petizioni di utenti indignati quando è stato cambiato font sul catalogo, da Futura a Verdana, capitolo dedicato al dramma dell'uso scriteriato di Comic Sans e tanto altro. Non ho resistito, ho dovuto mandare una mail d'amore all'autore. Vediamo se mi risponde. Come diceva Salinger, i libri che tolgono il fiato sono quelli dei cui autori si vorrebbe essere amici.

Immagine
Ultima modifica di McA il 01/09/2012, 20:51, modificato 1 volta in totale.
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
Eta
Supremo
Supremo
Messaggi: 821
Iscritto il: 27/02/2005, 19:42
Località: Utrecht Utero Trajectum
Contatta:

02/09/2012, 15:47

LO VOGLIO.
Ma proprio con l'enfasi del consumismo che non sente ragioni: io lo voglio!

E grande che hai mandato la mail, verissima la storia degli autori di cui vorresti essere amico.
Facci sapere se risponde!
"Senso di completezza a manetta, e solito mix di sentimenti."

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

"Questi Paesi non avranno eserciti – e questo porrà fine alle guerre."
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 5201
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

04/09/2012, 14:30

gasta ha scritto:
02/09/2012, 21:42
Font maschile o font femminile?
Intendi chiedermi se, nel libro, viene scritto "il font" o "la font"?
Nella traduzione italiana si dice "la font", al femminile.
Ma il mio Zingarelli 2008 afferma che "font", in italiano, è un sostantivo maschile.
Cito da qui.
Terminologia etc. ha scritto:In italiano entrambi i generi coesistono perché la parola font è entrata nella lingua attraverso strade diverse. Chi conosce l'etimologia della parola, ha familiarità con il francesismo fonte e/o ha una formazione (tipo)grafica, preferisce il femminile; nell'uso informatico invece font è un prestito dall'inglese ed è privilegiato il maschile.
Se invece ti riferisci al capitolo in cui vengono messi in luce gli stereotipi di genere dei font, divisi in "font maschili" e "font femminili"... Allora vuol dire che hai letto il libro, ed è ottima cosa.

Sempre grazie a Sei proprio il mio Typo, che ho finito di divorare ieri sera, ho scoperto che «The quick brown fox jumps over the lazy dog», il pangramma inglese utile per provare tutte le lettere di un font, è ora un fatto accaduto realmente. ;D

Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
Eta
Supremo
Supremo
Messaggi: 821
Iscritto il: 27/02/2005, 19:42
Località: Utrecht Utero Trajectum
Contatta:

10/05/2013, 16:47

Sei proprio il mio Typo trovato per caso in libreria, comprato al volo.
Credo che lo leggerò e poi lo donerò alla mia

Immagine

che è nerdona e patita di discussioni sui font. Rock!
"Senso di completezza a manetta, e solito mix di sentimenti."

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

"Questi Paesi non avranno eserciti – e questo porrà fine alle guerre."
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 5201
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

21/11/2014, 3:00

Dell'amato David Foster Wallace ho sbranato qualche giorno fa, in un paio di giorni, Il rap spiegato ai bianchi, scritto con Mark Costello. Il saggio, che risale al 1989, in piena esplosione del fenomeno rap e della cultura hip hop nel mainstream americano, è la solita bomba disumana: di altezza quasi imbarazzante il livello culturale, maestosa la profondità di analisi e incredibile la capacità di tenere il lettore incollato al libro, come nel migliore dei romanzi d'avventura, tutte qualità di un DFW ventisettenne. E nemmeno il coetaneo Mark Costello (i due si dividono i paragrafi quasi equamente) scherza.
Come sempre, un ringraziamento va a Christian Raimo e Martina Testa per il lavoro di traduzione, che anche questa volta dev'essere stato ben impegnativo. Tirata d'orecchi, però, per il titolo italiano, bello, ma completamente diverso dall'originale Signifying Rappers (che non significa "significativi", ma più qualcosa come "messaggeri", "ambasciatori").
Esistono varie edizioni del volume, edito in Italia da minimum fax: io ho letto la più recente, ottima per la nuova prefazione di Mark Costello, pessima per la copertina: le grafiche di Riccardo Falcinelli sono quasi sempre splendide, ma questa serie di metagrafiche con la copertina-del-libro-che-ritrae-la-copertina-del-libro-in-prospettiva proprio no, è roba che sarebbe stata fuori tempo massimo anche negli anni Novanta, e non è divertente neanche in caso provi a essere post-strutturalista, o post-post-modernista, che dir si voglia.
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7045
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

28/05/2015, 18:43

perché nessuno mi aveva mai detto/imposto di leggere Fontamara di Ignazio Silone?

che tra l'altro so da anni, nozionisticamente, che Fontamara è di Ignazio Silone ed è un capolavoro della Letteratura italiana...
ma direi Mondiale
e Personale
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 5201
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

11/07/2015, 20:00

Oggi ho letto d'un fiato Dimentica il mio nome, ultimo capolavoro di Zerocalcare.
Come accade con tutti i grandi, quando si conclude la lettura si è persone un po' migliori di quelle che si era prima di cominciarla.
Il livello di immedesimazione, poi, sfiora l'imbarazzante, ma questo credo accada a molti lettori, e sia uno dei fattori del suo successo.

Immagine
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
McA
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 5201
Iscritto il: 01/02/2003, 20:08
Località: Cremona
Contatta:

15/10/2015, 17:00

Leggo anche altri libri, sia di narrativa, sia saggi, ma ci sarà un motivo se mi viene sempre voglia di scrivere qui quando si parla di 'sti due: tra gli altri, gli ultimi libri che ho letto sono Di carne e di nulla, ennesima splendida raccolta di saggi di David Foster Wallace, e L'elenco telefonico degli accolli, cioè il blog di Zerocalcare da marzo 2013 ad aprile 2015, più una storia inedita di raccordo.
Ciao da McA e da Francesco Caravagli, responsabile relazioni esterne Radio Fujiko.
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7045
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

15/10/2015, 19:15

fico!

e notevole il doppio post alle 17:00
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Avatar utente
gasta
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 5236
Iscritto il: 17/03/2005, 20:51
Località: Cremona
Contatta:

11/09/2018, 15:38

Sto leggendo, finalmente, L'arcobaleno della gravita', che mi fu consigliato una volta terminato Infinite Jest.
Rispetto a DFW, Pynchon e' molto piu' complesso.
Sono solo a pagina 120 su 960, vi faro' sapere come va.
Ma nel frattempo, una cosa: la scena piu' geniale di Trainspotting, il tuffo nella latrina, e' COMPLETAMENTE presa da questo libro.
Anzi, in L'arcobaleno della gravita' e' molto piu' pesante, 6 pagine di follia pura.
Non lo sapevo e mi e' piaciuto molto.
Rispondi