Fumetti & Co.

Board dedicato principalmente alle gallerie fotografiche, le cartoline, i fotomontaggi e le battaglie di disegno digitale ...
cudiel

03/04/2006, 21:53

Alan Moore autore di "V for vendetta", "La lega degli straordinari gentlemen", ma anche di "From hell" e di "Watchmen", definito da Terry Gilliam, regista ed ex Monty Python, "il Guerra e pace dei fumetti".
Guerra e pace che mi sembra sia il libro che sta leggendo Landrew, come evinco da un suo post e dal suo blog, minchia quanto sono olistico!
Landrew

04/04/2006, 8:04

cudiel ha scritto:
Guerra e pace che mi sembra sia il libro che sta leggendo Landrew, come evinco da un suo post e dal suo blog, minchia quanto sono olistico!
OT
mi dispiace ma evinci male. sto leggendo delitto e castigo.
OT
Avatar utente
jack malandra
Pratico
Pratico
Messaggi: 218
Iscritto il: 13/02/2006, 10:53

04/04/2006, 16:07

Watchmen.....
il più bel fumetto/romanzo mai partorito da mente umana e da mente sovraumana(Alan Moore)
correte a leggerlo se no smettete di respirare SUBITO che non ha senso continuare a vivere
tutti americani quando serve, incerti fra la camicia nera e quella verde, merde! sale che è un indecenza, a male! altro che alleanza, è un'arroganza nazionale.
cudiel

04/04/2006, 18:18

Landrew ha scritto: OT
mi dispiace ma evinci male. sto leggendo delitto e castigo.
OT
OT
oops, che pirla
OT
Landrew

07/04/2006, 9:43

Dopo l'integrale di Corto Maltese e l'antologia dell'opera di Andrea Pazienza, ecco il terzo nome dell'iniziativa fumettistica de L'espresso: Vittorio Giardino.

La collana sarà composta da 4 volumi e non proporrà l'intera opera di Giardino.
esordirà venerdì 14 aprile e il prezzo dei volumi sarà lo stesso di quelli di Corto Maltese ed Andrea Pazienza: 8,10 € più il prezzo de L'Espresso (per un totale di 10,90 €).

EDIT DEL 14_04_06

Preso ieri. merita davvero. approfittatene.
Ultima modifica di Landrew il 14/04/2006, 9:53, modificato 1 volta in totale.
Landrew

11/04/2006, 11:08

Quando uno strano incidente conferisce a Mitchell Hundred lo stupefacente potere di dialogare con le macchine e gli oggetti di metallo, egli diventa il primo supereroe d’America e… sindaco di New York! Nonostante si sia ritirato da una carriera in spandex, è dietro la scrivania di primo Cittadino che la sua avventura ha veramente inizio. Primo volume del maggior successo WildStorm (divisione DC Comics) dell’ultimo anno, scritto magnificamente da B.K. Vaughan e illustrato addirittura meglio da T. Harris.
da notare la genialata, la serie durerà quanto il mandato vero di un sindaco: 4 anni.

[allegato eliminato dall\'amministratore per dimensioni superiori ai 60Kb]
Avatar utente
jack malandra
Pratico
Pratico
Messaggi: 218
Iscritto il: 13/02/2006, 10:53

12/04/2006, 17:06

dopo queste segnalazioni molto istituzionali, jack vi spinge un pò di fumetti sotto banco.
parlo di MIGUEL ANGEL MARTIN spagnolo contemporaneo, autore di una prolifica produzione, fatta di copertine di CD, locandine cinematografiche (Killer Barbies di Jess Franco), manifesti per festivals, per gruppi musicali spagnoli e inglesi, illustrazioni e disegni per giornali e riviste... e, ovviamente, i fumetti che non cessano di riservare sorprese.
Pubblica regolarmente sul mensile spagnolo El Vibora e strisce quotidiane su alcuni giornali.
La rivista Time lo ha definito "uno dei migliori disegnatori europei". Ha vinto il premio "Autore rivelazione" nel 1993 al Salon Internacional de Comics de Barcelona e il premio YELLOW KID come "Migliore disegnatore straniero" all'Expocartoon di Roma nel 1999.
Tra le sue produzioni mi preme di segnalare PSYCHO PATHIA SEXUALIS che è assolutamente la sua opera di punta dove sbatte in faccia al lettore una realtà nuda e cruda, nei contenuti, nei disegni nella realtà delle cose ..... un fumetto censurato(in 18 paesi se ricordo bene) sequestrato, condannato, elogiato... premiato... ricondannato!
Assolutamente da leggere almeno una volta (perchè alla seconda gia pensate "ma ki me lo fa fare").
parental advisory: NON per educande.

per tutti gli interessati consultate il mittttico sito della topolin edizioni (gli unici che pubblicano martin e da cui ho acquistato online psychopathia sex, oltre agli innumerevoli altri artisti e albi che mettono a disposizione) http://www.topolin.it/topolin_home.htm

A MORTE IL FUMETTO COMMERCIALE!
A MORTE LA BONELLI EDITORE!!  >:D
(finta polemica)
tutti americani quando serve, incerti fra la camicia nera e quella verde, merde! sale che è un indecenza, a male! altro che alleanza, è un'arroganza nazionale.
Landrew

14/04/2006, 14:52

uscirà la ristampa completa e finalmente in formato ORIGINALE de L'Eternauta.
L'edizione orizzontale di uno dei massimi capolavori dell'arte sequenziale, quindi, come non appariva da decenni nel nostro paese (l'unica edizione rispettosa del formato era firmata Comic Art, risalente a molti anni fa e oggi introvabile). Il primo volume è previsto per luglio.
Avatar utente
jack malandra
Pratico
Pratico
Messaggi: 218
Iscritto il: 13/02/2006, 10:53

15/04/2006, 11:58

step2
jack torna a breve distanza di tempo e segnala un'altro autore e un'altro mondo del fumetto.
trattasi di manga, ma non i soliti manga farciti di super eroi robot e compagnia bella.
parlo di suehiro maruo e della sua opera notte putrescente
non sono molto bravo con le parole quindi riporto questa recensione trovata su internet

"NELLE OPERE DI SUEHIRO MARUO, L'ORRORE, L'ESPOSIZIONE PARTECIPE E VOYEURISTICA DI SITUAZIONI AL limite, moralmente riprensibili, nasconde tra le sue pieghe, nei risvolti delle trame più buie e sanguinarie, un misterioso, bizzarro e insospettabile fascino. L'occhio e il cervello spesso non condividono lo shock delle immagini estreme fuoriuscite dal suo spietato pennino, ma il talento è così forte e imprevedibile che il disgusto viene scacciato dallo stupore. Perché le storie cupe e grandguignolesche di Maruo mescolano poesia a fantasia, raccapriccio a sadismo, suscitando reazioni improvvise in ogni tavola.
  La quotidianità viene osservata nei suoi aspetti più mostruosi, e l'orrore risulta ancor più terribile davanti alla scenografia minimale, conosciuta, familiare, in cui si svelano gli incubi dell'autore. Il palcoscenico del male non è fittizio o improbabile: in "Notte putrescente" è la realtà che fa pura. Una realtà in cui le notti, spettatori privilegiati di un cabaret fatto di nefandezze e crudeltà, diventano riflettori di luce nera su umanità distorte e malate, menti deviate in preda a perversioni che possono nascere dall'amore, dalla solitudine, dall'odio o dall'insoddisfazione."
  tratto da http://www.stradanove.net/news/testi/fu ... 09020.html  di Giovanni Scalambra

se cercate qualcosa di diverso dai soliti topolino, marvel e cityhunter provatelo.
a vostro rischio e pericolo(mentale e intestinale) 
parental advisory: NON PER EDUCANDE
tutti americani quando serve, incerti fra la camicia nera e quella verde, merde! sale che è un indecenza, a male! altro che alleanza, è un'arroganza nazionale.
redkilla

15/04/2006, 12:15

io rimango in tema e vi consiglio caldamente un'altra avventura putrscente sempre dello stesso autore! O0
ringrazio jack che mi ha fatto conoscere questo artista:
Suehiro Maruo
Il Vampiro Che Ride

Sono estremamente rare le occasioni in cui il mito dei vampiri viene trattato in maniera originale, fuoriuscendo dagli schemi tradizionali; quando ciò accade, nascono delle piccole perle, degli inaspettati b-capolavori, come è il caso di questo Il Vampiro Che Ride, di Suheiro Maruo, quarantaquattrenne giapponese per la prima volta pubblicato in Italia grazie all'intraprendente neoetichetta Coconino Press.

L'autore ci guida in un viaggio malato nella psiche dei protagonisti della storia, colpendoci con scene di violenza efferata, sesso esplicito, e gran profluvio di liquidi organici. Tra questi il sangue è un incubo incombente, o un sogno che fiorisce nella testa: tutto ci ipnotizza, scandendo nella nostra mente l'incedere frenetico degli avvenimenti. Maruo calca soprattutto la mano sulla violenza giovanile gratuita e la pratica dell'enjokosai, ovvero il vendersi agli altri delle collegiali giapponesi per potersi permettere i capi della moda occidentale. Ma in questo cupo panorama, verso la fine del romanzo ecco esplodere uno dei baci più erotici della storia del fumetto, uno scambio di saliva e sangue tra due vampiri adolescenti, mentre la città sembra festeggiare l'empia ma sensualissima unione con fuochi d'artificio gaudenti nel cielo.

Grande ritmo, disegni efficacissimi, storia agghiacciante. Quando il buio si avvicina, guardatevi alle spalle. Nell'ombra, un vampiro potrebbe ridere della vostra normalità. 

recensione trovata su internet nn ricordo + dove
Landrew

16/04/2006, 14:12

Breve introduzione a L'Eternauta visto che qualcuno ne vuol sapere qualcosa:

E' Hector G. Oesterheld il padre de L'Eternauta. Classe 1922, sarà sempre ricordato come una vera leggenda dal mondo del fumetto.Dal 1950 al 1977 crea una mole impressionante di lavori collaborando con mostri sacri del disegno quali Pratt, Zanotto, Breccia, Duranona, Battaglia.
Purtroppo però non poté mai gioire del suo successo in Italia perché nel 1977 gli Squadroni della Morte, braccio armato dell'ottusità dei militaristi sudamericani, fecero di lui un desaparecido.
Chissà quanto ancora avrebbe potuto creare se i "Loro" della nostra epoca non se lo fossero portato via con la loro ignoranza.

Francisco Solano Lopez è la mano de L'Eternauta. Un tratto privo della malizia dei giorni nostri, senza compromessi o mezze misure: chiaroscuri fortissimi che contribuiscono a creare quell'atmosfera da incubo senza fine che pervade la storia.
Una matita, quella di Lopez, più alla ricerca degli stati d'animo dei protagonisti che di dinamismi superflui e spettacolarità fini a se stesse. In una parola, efficace. Come si potrebbe, infatti, dimenticare l'interminabile notte dell'invasione e l'assedio nello stadio del River Plate?
Qualcuno potrebbe considerarlo pesante e spesso ingenuo ma chi si sofferma su queste considerazioni dovrebbe ricordarsi che è un'opera nata nel '57 e che ha ancora diverse lezioni da impartire ai disegnatori di oggi.


Come ogni racconto di fantascienza che si rispetti, L'Eternauta non è solo un'avvincente storia ma è anche il ritratto di un'epoca, quella dell'Argentina dei desaparecidos. Come non associare agli insetti telecomandati dai Kol i militari al servizio del terrore e gli uomini robot a coloro asserviti alla dittatura? E non si prova un brivido rivedendo lo stadio del River come lager e luogo di esecuzioni? Oesterheld ha pagato con la vita l'averci insegnato a vedere l'orrore della violenza ma ci ha anche insegnato che solo lottando contro i "Loro" per la libertà l'uomo è veramente tale. Poco importa se l'esito è nefasto e lui ne è la prova.
Landrew

16/04/2006, 14:29

Agli amici 'killa e Malandra: finalmente qualcono che consiglia Miguel Angel Martin! e che cazz!
sicuramente da leggere Brian The Brain

BRIAN é un bambino nato senza calotta cranica, frutto di una madre che lavora come cavia umana al Bio-Lab(un istituto di sperimentazione genetica). Non si conosce ancora il padre. Brian é tenero, intelligente, discreto: tutti pregi per i quali é discriminato da tutti. La prepotenza, e la volgarità sono il suo pane quotidiano, ma Brian ci convive senza per questo essere una vittima o, peggio ancora, fare la vittima. La sua dignità é un colpo allo stomaco!

uno fumetto tremendamente bello e terrificante. ne sta uscendo una ristampa integrale per la topolin
redkilla

16/04/2006, 14:30

visto e letto.
O0
Landrew

17/04/2006, 14:32

segnalazione di servizio:

Negative Burn è stato un autentico miracolo nell’affollato panorama fumettistico americano degli anni ‘90. Antologico in bianco & nero, nato quasi per caso in concomitanza col boom delle copertine multiple e del turbinio di colori che caratterizzavano i pompatissimi albi mainstream dell’epoca, Negative Burn ha saputo resistere per ben 5 anni (dal 1993 al 1998) ai repentini cambi di fortuna del mercato USA.

Nei suoi 50 numeri Negative Burn ha ospitato una collezione di stelle del fumetto a dir poco incredibile per un albo fuori dall’egida dei soliti Marvel, DC, Dark Horse e Image. Impossibile non citare subito Alan Moore, che ha donato all’antologia i testi delle sue canzoni, interpretate dai più famosi artisti del comicdom: Dave Gibbons (Watchmen), Terry Moore (Strangers in Paradise), Art Adams (Authority) e Michael Gaydos (Alias).

Le raffinatissime composizioni di Alan Moore non devono però trarre in inganno: Negative Burn non è un fumetto strettamente autoriale, ma fa dell’entertainment e dell’ecletticità due dei suoi punti di forza. Così, accanto alle strip di Mr. Mamoulian di Brian Bolland (sì, proprio quello di The Killing Joke!) trovano posto le irresistibili storie brevi di Darko Macan e del mai troppo compianto Edvin Biukovic (Grendel, Human Target), che strizzano l’occhio sia ai racconti di Poe, sia alle storie di guerra Fleetway. Accanto a coltissime intepretazioni di poesie di Rimbaud o di canzoni di Strauss (negli adattamenti di Paul Pope e P. Craig Russel) potrete leggere Mike Wieringo e la sua pestifera April, i paladini dei comics alternativi Flaming Carrot e Milk & Cheese, nonché maestri del fumetto super-eroistico come Paul Jenkins (Hellblazer, Spider-Man) e artisti di fama internazionale come Daniel Zezelj (Loveless).

Ma l’elenco completo dei contributors alle pagine di Negative Burn non finisce qui. Potremmo ancora ricordare Dave Johnson (100 Bullets), Phil Hester, Jim Mahfood… un arcipelago di genietti dell’arte sequenziale che tra un progetto e l’altro per le major hanno prestato il loro talento a quest’esperimento per certi versi unico.


esce per free-books, 208 pagine a 10euro.
Avatar utente
jack malandra
Pratico
Pratico
Messaggi: 218
Iscritto il: 13/02/2006, 10:53

31/05/2006, 22:37

CHAPTER 3
'Maus' è senza ombra di dubbio uno dei grandi capolavori della storia del fumetto, uno dei più difficili da dimenticare. Da Will Eisner ad Alan Moore, da Hugo Pratt a Hergé, nessuno ci pare abbia saputo emozionare e sorprendere allo stesso tempo quanto Art Spiegelman nelle quasi 300 pagine di 'Maus', racconto a fumetti della shoah.

Partendo da una grottesca associazione che lo porta a rappresentare gli ebrei come dei topi e i nazisti come dei gatti ed intrecciandovi l'intima e familiare vicenda dei propri genitori, Spiegelman è riuscito, in un lavoro durato 13 anni, ad unire la dimensione personale a quella generale, il dolore di allora a quello del presente, con un gusto espressivo che, come è stato più volte notato, richiama i più grandi maestri dell'espressionismo, da un lato, e dell'underground dall'altro. In fondo, 'Maus' non è altro che un lungo diario, una confessione a cuore aperto che l'autore nato a Stoccolma ci consegna prima di tutto sulla propria famiglia e poi, intevitabilmente, sul dramma dell'olocausto, dei campi di concentramento. Un racconto senza retorica, senza moralismi, nudo e crudo come pochi autori, romanzieri compresi, hanno saputo stilare in questi decenni; un racconto a tratti perfino ambiguo, soprattutto nei rapporti all'interno della famiglia Spiegelman in America, ma che proprio per questo appare incredibilmente vero ed onesto.
I personaggi dell'opera sono rappresentati non in forma umana, bensì in quella animale, che caratterizza la loro posizione sociale, secondo una serie di metafore; i protagonisti, per esempio, gli ebrei perseguitati sono rappresentati da dei topi (Maus in lingua tedesca significa proprio topo), contrapposti ai nazisti dipinti come gatti, i francesi diventano rane, i polacchi maiali e così via.

Ormai di olocausto si sente parlare dappertutto, a scuola come al cinema, in trasmissioni televisive come sui giornali, spesso anche con pressapochismo e troppi luoghi comuni: 'Maus', vincitore tra l'altro del premio Pulitzer, è invece a tutt'oggi una delle sintesi più efficaci e documentate del dramma della shoah e delle sue conseguenze sulla vita delle persone. Indimenticabile.

- LEGGETE MAUS - LEGGETE MAUS - LEGGETE MAUS - LEGGETE MAUS - LEGGETE MAUS - LEGGETE MAUS -

J.M.

[allegato eliminato dall\'amministratore per dimensioni superiori agli 80kb]
tutti americani quando serve, incerti fra la camicia nera e quella verde, merde! sale che è un indecenza, a male! altro che alleanza, è un'arroganza nazionale.
Avatar utente
Piperita
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 1464
Iscritto il: 08/05/2006, 8:57

05/06/2006, 9:50

Prof. Anteguerra ha scritto: e i peanuts mi fanno venire il nervoso
:o :o :o :o :o

sacrilegio!!! :o
che cosa farei, io, che cosa potrei mai fare, tutto il giorno, voglio dire, tra il campanello del risveglio e quello del sonno?..
rootsman

25/07/2006, 15:30

vi segnalo quest'autore che ho conosciuto da poco:
ANDY SINGER

è molto bravo e soprattutto kombat  O0

http://www.andysinger.com/index.html
Landrew

20/06/2007, 11:13

CENTRO FUMETTO ANDREA PAZIENZA
Piazza Giovanni XXIII, 1 - Cremona

SABATO 23 GIUGNO ore 17:30
presentazione di
P-HPC Post-Human Processing Center
di AUSONIA
Saranno presenti l'autore insieme a Marco Belotti della Leopoldo Bloom

P-HPC.jpg
Cfapaz ha scritto:Abbiamo deciso di presentare la nuova opera di Ausonia, nome d'arte di Francesco Ciampi, perchè ha tutte le caratteristiche per essere considerata un punto di svolta per il fumetto italiano (uno dei punti di svolta potenziali di questo momento).

Non so quanti di voi l'abbiano già letto. Io ne sono rimasto profondamente colpito.
La storia, di per sé, è semplice. E' una storia d'amore tra due ragazzi. Uno dei quali però desidera lavorare come robot e si mette a disposizione di una multinazionale che ne modificherà il corpo per renderlo adatto alle mansioni da svolgere. Il libro racconta in particolare il flusso di pensieri dell'altro ragazzo che decide di seguire l'amata.

Il sito di Ausonia non è sufficiente a rappresentare le oltre cento pagine di cui si compone. E se lo si sfoglia si corre il rischio di prenderlo come un'esibizione grafica dell'autore.
Il libro assembla seguenze di fumetti, fotografie, illustrazioni e immagini digitali.
Leggendolo si rimane colpiti da come tutti i materiali, apparentemente così diversi, siano perfettamente funzionali ai contenuti. E il testo, scritto piccolo, in molte parti assai abbondante, scorre bene, con naturalezza e porta il lettore all'inevitabile finale.

Un libro del genere pone diverse domande e suggerisce temi.

- E' fumetto? E qui rispondo subito. Certo che lo è...!
E quindi la vera domanda è: abbiamo finalmente capito che il fumetto è una narrazione grafica e quindi non c'è preclusa nessuna possibilità?

- Il rapporto con la modernità visto attraverso la trasformazione del corpo, definita "cosificazione". La cosificazione che trasforma le nostre individualità in macchina ma anche in merce da acquistare e rivendere. Manodopera perfetta, assoluta... Tema non nuovo ma affrontato molto bene.

- Torniamo al fumetto. C'è già stato Dave Mc Kean: parecchi anni fa tra l'altro...
Finalmente c'è Ausonia. Dietro P-HPC c'è un lavoro incredibile.
Autori italiani, che ne dite? Un po' di fantasia in più...? Avete visto che qui c'è uno che non si è fermato a replicare Pinocchio?
Editori italiani, che ne dite? Un po' di fantasia in più...? Avete visto che formato, numero di pagine, stile e tecnica non sono una religione?

P-HPC può anche non piacere. Il parere del lettore è sempre sacro.
Ma può veramente rappresentare un punto di svolta.

Che ne pensate?
il sito dell'autore
www.p-hpc.com
l'editore
Avatar utente
Ash
Associazione
Associazione
Messaggi: 871
Iscritto il: 14/03/2008, 11:10

02/04/2008, 22:32

Ho finalmente trovato e immediatamente comprato Watchmen di Alan Moore, uno dei capolavori del fumetto contemporaneo. In questa edizione enorme, dal peso approssimativo di 15 kg, è incluso tutto ciò che è legato alla vicenda: bozzetti, sottotrame e interviste agli autori. La più completa edizione italiana esistente.
Alé.
Ultima modifica di McA il 26/08/2014, 2:54, modificato 2 volte in totale.
Rispondi