Pagina 2 di 2

Re: Typomania

Inviato: 30/05/2017, 23:12
da Eta
Futuracha, creato tramite una campagna su indiegogo.

Immagine

Sono anni che vorrei creare un font, o più, basato sulla mia scrittura a mano, ma non mi ci sono mai messa. Nel frattempo, avevo sempre pensato che la difficoltà sarebbe (ovviamente) stata quella di creare lettere che si incastrassero in ogni caso, dato che quando scrivo a mano le vario moltissimo. Beh, se aspetto ancora un po', forse potrò risolvere il problema. :)

Re: Typomania

Inviato: 22/09/2017, 3:08
da Eta
I Pissjar hanno fatto ciò che vi aspettereste dal loro nome citato in questo topic.


Re: Typomania

Inviato: 22/09/2017, 11:10
da Q
;O;

spettacolo!
ovviamente Sans Serif

Re: Typomania

Inviato: 22/09/2017, 15:00
da McA
Per la sua violenza, Pissjar Sans è un font dal progetto profondamente punk.
Però la lavorazione è stata circa quella richiesta da un album prog sinfonico.

Re: Typomania

Inviato: 22/09/2017, 15:10
da Eta
Vero assai.
Cortocircuito (c'avranno pisciato sopra).

Re: Typomania

Inviato: 22/09/2017, 16:08
da Q
esattamente la mia impressione... ci vuole grande dedizione per essere così punk

Re: Typomania

Inviato: 09/11/2017, 0:00
da McA

Re: Typomania

Inviato: 02/03/2020, 17:00
da McA
Il carattere speciale "n̈" esiste in alcuni alfabeti minori (per dirne uno: il Jakaltek, un dialetto Maya parlato da meno di centomila guatemaltechi) ed è fondamentale per scrivere correttamente il nome degli Spın̈al Tap, leggendaria rock band protagonista del finto documentario del 1984 diretto da Rob Reiner, This Is Spın̈al Tap (attenzione: è bene usare anche la "ı" senza puntino sopra).
Questo per dire la typomania.

Immagine

Re: Typomania

Inviato: 03/03/2020, 15:52
da Sgt.Pepper
McA ha scritto:
02/03/2020, 17:00
Questo per dire la typomania.
Questo per dire la differenza tra bene e male.

Re: Typomania

Inviato: 01/05/2020, 1:00
da McA
Il logo dell'azienda vinicola Vosca è questo splendido ambigramma.
Non è un esatto omogramma ma senz'altro non è un eterogramma (si veda il primo post del topic).

Immagine

Re: Typomania

Inviato: 31/05/2020, 0:00
da McA
Ho finalmente visto Helvetica, con ciò intendendo il documentario del 2007 diretto da Gary Hustwit, in larga parte dedicato ovviamente al sovrano dei font, ma che coglie la palla al balzo per tracciare una breve storia del graphic design tra gli anni Cinquanta e i giorni nostri. Il carattere tipografico concepito da Eduard Hoffmann e disegnato da Max Miedinger nel 1957 è ovviamente oggetto di amore e ossessione da parte di parecchi degli addetti ai lavori intervistati, ma viene concesso adeguato spazio anche ad alcune voci dissidenti (grafici e designer che non amano Helvetica, o che direttamente non lo tollerano, e non ne fanno mistero).
È bello ritrovare nel film alcuni personaggi e citazioni che già avevo incontrato durante la lettura di Sei proprio il mio typo. La vita segreta delle font, il saggio di Simon Garfield.
Che tunnel, la typomania.

Una menzione speciale per le posizioni più estreme va al nostro leggendario designer Massimo Vignelli (1931-2014), che, intervistato nel suo studio, arriva a dire: «Abbiamo spesso la tendenza a usare pochi tipi di carattere. Non è che non crediamo nei caratteri: crediamo ci siano pochi buoni caratteri. A voler essere generoso, posso dire che ce ne saranno una dozzina. Di base non ne uso più di tre».
Da una ricerca online dei suoi lavori, è chiaro che lui poteva permettersi di dire così, essendo stato un valoroso cavaliere della lotta contro la bruttezza.

Immagine