Càan de la bisa scudelèera

L' amata/odiata città ... i fatti, i personaggi e i luoghi che la rendono un esperimento sociale ...
Rispondi
Avatar utente
janfree
Supremo
Supremo
Messaggi: 995
Iscritto il: 31/01/2006, 2:58

15/10/2009, 9:12

stamttina ci siamo posti un problema:

da dove derivi l'espressione: CAN DE LA BISA

secondo una teoria, che in realtà -sono uno storico- mi ha lasciato un po' di stucco, in quanto geniale anche se non penso sia l'origine vera di questa espressione, deriva dal periodo di dominazione Viscontea della Lombardia Meridionale, dove gli ufficiali del duca avrebbero potuto essere indicati come i "cani della biscia" ovvero i "fidi / servitori del biscione (ovvero lo stemma del Visconti)" ... ma poi ho pesato alla Bissola, osteria. Ed ho detto: che vorrà dire BISSOLA? se BISA derivasse invece che dal bisgraneér appunto dalla parola BISSOLA?
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7036
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

15/10/2009, 10:34

baol ha scritto: Q ha già esposto una interessante riflessione etimologica, anche con la variante "can de la bisa scudeleera"...

bisa scudeleera = serpente con la scodella = tartaruga (abbiamo un dialetto geniale)

ma non la trovo più.
non ero io a esporlo, ma ne parlavano Vitellozzo e sienanza, riporto i post al riguardo (da Filastrocche in dialetto):
Vitellozzo ha scritto: Comunque, l'imprecazione "can de la bissa" deriverebbe dal risentimento provato verso i Visconti, che avevano una biscia nel loro stemma, i quali avevano fatto sbranare dai loro cani certi bambini dei Torriani.
Se qualcuno conosce la storia in maniera più precisa, prego mi corregga.
sienanza ha scritto: credevo che l'imprecazione completa fosse "can de la bisa scudelèera" (la bisa scudèelera è la tartaruga). probabilmente è un'estensione, è molto più probabile l'origine "storica". nel nostro dialetto ci sono molti riferimenti a fatti/personaggi del passato, come l'occupazione francese ai tempi di Napoleone.
inoltre ne parlavano in Seth N. Beagle Jack Starks, gasta e il solito sienanza:
Jack Starks ha scritto: Alura disime 'n po fioi, ve fo nà dumanda: vualter el sii cusa l'he la bisà scùdelera?
sienanza ha scritto: Càn de la bìsa scudelèera, cun lì galìni in mèza a l'èera!
gasta ha scritto: bisa scudelera = biscia con la scodella = tartaruga
infine recupero la teoria esposta da janfree ne Il Ciutto:
janfree ha scritto: stamttina ci siamo posti un problema:

da dove derivi l'espressione: CAN DE LA BISA

secondo una teoria, che in realtà -sono uno storico- mi ha lasciato un po' di stucco, in quanto geniale anche se non penso sia l'origine vera di questa espressione, deriva dal periodo di dominazione Viscontea della Lombardia Meridionale, dove gli ufficiali del duca avrebbero potuto essere indicati come i "cani della biscia" ovvero i "fidi / servitori del biscione (ovvero lo stemma del Visconti)" ... ma poi ho pesato alla Bissola, osteria. Ed ho detto: che vorrà dire BISSOLA? se BISA derivasse invece che dal bisgraneér appunto dalla parola BISSOLA?
Ultima modifica di Q il 15/10/2009, 10:36, modificato 1 volta in totale.
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Avatar utente
jami
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 1986
Iscritto il: 18/04/2002, 2:37
Località: Cremona
Contatta:

15/10/2009, 12:39

can de la bisa scudelèera -> cani della biscia della mensa dei poveri (distribuzione scodelle)
can de la bisa purtinèera -> cani della biscia a guardia delle porte della città

il fatto che la bisa scudelèera sia una tartaruga non spiega il perchè ci sia un cane di questa tartaruga, mentra potrebbe essere fattibile che la scudelèera e la purtinèera siano estensioni di periodi storici successivi a quella visconteo

attenzione fonti ufficiose narrano di
can da la bissa , piacentino
bisa scudlera, parmense : è la tartaruga

da http://www.grazzano.it
I Visconti

Nell'antichità solevano viaggiare circondati da numerosi cani da guardia.

Erano pure amanti della caccia che praticavano con migliaia di levrieri e segugi. Questi animali portavano al collo, come segno di riconoscimento un collare sul quale era inciso lo stemma visconteo: la biscia. Perciò vennero chiamati "can da la bissa".

Quando viaggiavano, le strade dovevano essere sgombre da uomini, animali e cose.

La locuzione si diffuse nel nostro dialetto e vi restò per sempre: anche adesso infatti per fugare un pericolo, o per indicare una persona potente e scaltra, si usa dire:

"can da la bissa"
Ultima modifica di Anonymous il 15/10/2009, 12:53, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7036
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

15/10/2009, 13:43

la storia delle lotte tra i Visconti e i Torriani è appassionante e non ne sapevo niente, ringrazio Vitellozzo per lo stimolo, anche se non trovo traccia di Torriani sbranati dai cani Viscontei.

riguardo alla biscia dei Visconti invece:
http://www.melegnano.net/storia/pagina004se2.htm ha scritto:Matteo fu il vero capostipite dei Visconti, i quali ricordavano che un loro antenato, circa nell'anno 800, avesse ucciso nei dintorni di Milano un serpente che avvelenava con il fiato i fanciulli. Da questa leggenda i Visconti posero nel loro stemma di famiglia la serpe con un bambino in bocca.
Immagine
che poi è il biscione milanese, interista e berlusconiano
e dalla stessa fonte:
i Torriani ordirono una congiura contro i magistrati imperiali (quindi legati ai ghibellini Visconti, aggiungo io) a Milano. Per questo fatto grave, i Torriani vennero assaliti e uccisi nella loro casa in Milano.
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7036
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

19/10/2009, 8:44

ricerche filologiche accurate non da me effettuate e attribuibili allo storico Alquati, sintetizzerebbero in maniera soddisfacente le interpretazioni di Càan de la bisa scudelèera:
Càan de la bisa si riferisce agli esattori delle tasse dei Visconti, i Visconti essendo la biscia e i cani gli esattori (chettelodicoaffare?)
bisa scudelèera è la tartaruga e l'abbiamo detto e ridetto
ma
pare che i Visconti punissero con multe salate le esclamazioni offensive del proprio casato, ivi compreso il càan de la bisa che a più di un cremonese scappava facile
da qui l'escamotage degli avi: l'aggiuntina dello scudelèera per mimetizzare l'offesa
un po' come le nostre bestemmie epurate tipo porco dighel, zio cane e via elencando
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
mik
Pratico
Pratico
Messaggi: 205
Iscritto il: 31/08/2006, 14:13

19/10/2009, 20:09

Q ha scritto: ricerche filologiche accurate non da me effettuate e attribuibili allo storico Alquati, sintetizzerebbero in maniera soddisfacente le interpretazioni di Càan de la bisa scudelèera:
Càan de la bisa si riferisce agli esattori delle tasse dei Visconti, i Visconti essendo la biscia e i cani gli esattori (chettelodicoaffare?)
bisa scudelèera è la tartaruga e l'abbiamo detto e ridetto
ma
pare che i Visconti punissero con multe salate le esclamazioni offensive del proprio casato, ivi compreso il càan de la bisa che a più di un cremonese scappava facile
da qui l'escamotage degli avi: l'aggiuntina dello scudelèera per mimetizzare l'offesa
un po' come le nostre bestemmie epurate tipo porco dighel, zio cane e via elencando
esattamente! Avevo trovato la spiegazione nell'inserto dialettale del sabato nella provincia!

quante ne sapevano i cremonesi di una volta...!
Rispondi