Detto così è brutto, però...

Dal greco = spazio aperto

Moderatore: .ferro

Avatar utente
labbio
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 1310
Iscritto il: 22/01/2008, 19:32
Località: Cremona

Riprendo il filo da un altro topic in cui si è andati decisamente OT.
È vero, Lombroso era un nazista ante-litteram, ma è innegabile che la faccia di molti personaggi assurdi sia a sua volta assurda.
L'errore (e l'orrore della teoria) di Lombroso era ritenere che fosse una scienza esatta e che ci fosse una relazione causa effetto tra la forma del viso e il tipo di personalità della persona.
Ma forse è vero il contrario, sono la nostra personalità e le nostre condizioni sociali ad avere un effetto sulle nostre facce.
Quest'estate sulla metropolitana di Lille, viaggiando dalla periferia verso il centro, mi ha colpito come oltre all'abbigliamento cambiassero anche le facce della gente che saliva alle varie fermate, tanto da arrivare a pensare che la povertà ha un volto, un'espressione, una fisiognomica.
Nota per i moderatori: forse ha più senso mettere qua i post citati da "Galleria estemporanea".
Ultima modifica di labbio il 17/12/2013, 1:29, modificato 1 volta in totale.
Tranquillo, penso a tutto io
Dicono di me: "un rompicoglioni fuori scala, un vero professionista della noia". Siete avvisati.
Non è una frisona
.Eta.

Labbio, hai centrato una delle cose che mi punzecchia principalmente il sottokranietto!

Ora mi getterò in un esempio che forse è efficace solo per me, ma per forza di cose è quello che viene più in testa - cercherò di spiegarmi...
Io possiedo un naso monumentale. Ormai a 21 anni, posso dire con fermezza che il mio naso e il mio carattere hanno dei tratti comuni. Dipendo dal mio naso, il mio naso esprime parte di me. Ci tengo e sento che mi rappresenta. Ma c'è una cosa che mi è oscura: io ho modellato il mio carattere sul mio naso pur di non essere a disagio (perché ovviamente da bambina il mio naso attirava prese per il çul0 che non sapevo rielaborare bene)? Oppure sarei diventata comunque così? Sarebbe stato impossibile, probabilmente, che uscissi identica! Al di là del fatto che il gioco dei "se" lascia il tempo che trova, lo so...
Ecco a cosa mi riferisco per causa-effetto invertiti.
Per onestà intellettuale aggiungo che essendomi fatta da sempre trip simili, forse il mio cervello non è abbastanza "vergine". Ho sempre disegnato - e si sa che i disegnatori (e forse in generale coloro che usano l'immagine) sono un po' vittime delle teorie di Lombroso! Durissima trovare eccezioni. Al massimo c'è chi gioca sul contrasto: crea un personaggio che sembra il contrario di ciò che è. Ma anche questo si fonda su quell'idea di partenza, forse... No?
Infine, disegnatori o no, trip o non trip, di cervelli vergini non ce ne sono. Chiunque si è posto delle domande sul proprio aspetto fisico, o sul proprio look, chiunque ha dovuto trovare un equilibrio tra esterno/interno e molti ci lavorano a vita senza ottenere grandi risultati.

Altra questione caldissima, secondo me: perfino volendo, non saremmo in grado di non basarci sulle impressioni visive per farci l'idea di una persona. Se hai una certa mentalità, puoi suggerirti di non cadere in giudizi avventati, io lo faccio sempre, sempre mi dico che non posso basarmi solo sull'aspetto di una persona, un estraneo, ma anche un parente in realtà... Ma sempre, sempre, sempre, l'aspetto della persona - ne sono certa - modifica pesantemente l'idea complessiva che si crea nella mia testa.
Non posso scindere le due cose.
D'altronde, non volevamo andare oltre il fottuto pensiero cristiano che divide anima e corpo? Non preferiamo unire tutto? Anima esistente o no, non preferiamo vedere in un'unica danza tutto quanto? Cervello e corpo, per meglio dire, non più scissi come due parti. Un insieme di non due, ma tanti elementi, piuttosto. "Somatizzazione" non è diventata una delle nostre parole preferite? Quindi dei legami ci sono... O mi sto confendo col linguaggio corporeo? E quanto il linguaggio corporeo altera la nostra idea dell'aspetto della persona? L'aspetto "puro", senza i suoi ricami comportamentali, senza abbigliamenti, mode, ... Che poi è un'idiozia anche questa, forse. Forse non posso nemmeno scindere questo. Gli "aspetti puri" (passatemi il termine, o suggeritemene un altro!) non esistono in natura. Mi viene solo un esempio, troppo tragico ed estremo: le condizioni in cui venivano forzati i prigionieri dei lager. Rasati. Spogliati della personalità. Ma chiaramente è un esempio un tantino fuori luogo: quanto quanto quanto una vita del genere può davvero deformare anche l'aspetto "puro" di una persona?! Ci basta una notte insonne per sembare degli zombie, a volte...

Basta, mi butto una mela in bocca, anzi, mi lego le dita.
Sono entrata nella modalità flusso di pensieri indomabile e non è molto carino per la netiquette.
Meglio mi corichi. Tanto so già che questi pensieri mi accompagneranno sotto le palpebre, sono in pieno trip! AAAARGH!
Ultima modifica di .Eta. il 17/12/2013, 1:29, modificato 2 volte in totale.
Avatar utente
baol
Associazione
Associazione
Messaggi: 2300
Iscritto il: 14/07/2005, 19:44
Località: cremona
Contatta:

io sono ossessionato dai "tipi".
credo (sono profondamente convinto) che alcuni tratti somatici si accompagnino quasi in maniera indissolubile ad altri.
tendo a classificare i volti per grandi gruppi e, da anni, il numero dei "miei" gruppi è invariato.
diciamo che vivo in un mondo di "separati alla nascita".

il punto, x questo topic, è che persone che appartengono allo stesso gruppo somatico non hanno veramente nulla a che spartire per carattere, estrazione sociale o quant'altro.
almeno, stando alla mia esperienza.

però.
c'è un però.

credo che tratti veramente estremi (tipo la faccia da coglione del tizio che ha generato questo topic...no, non labbio. il tatuato.) possano, in una società competitiva ed "estetica", essere motivo di emarginazione.
i tratti eccessivamente fuori dai canoni ti emarginano.
una volta che sei in ambiente sociale emarginato (con tutti i rischi di di accesso a carriere criminali o devianze sociali in genere) ti riproduci in quell'ambiente.
il tuo genotipo e quindi il tuo fenotipo si diffondono.
ergo: in alcuni casi è più facile trovare delinquenti con la "faccia da delinquente", non perchè i loro tratti biologicamente li spingano a delinquere, ma perchè la società emargina il "fuori dal comune", che quindi è più esposto a comportamenti a rischio.

secondo però:
vivere in un ambiente emarginato cambia i tuoi tratti:
se non ti puoi permettere cure dentistiche, dermatologiche, ortopediche...facile che a 30 ti ritrovi sdentato, sfigurato e zoppo...e tutti a dire "và che faccia da delinquente che ha quel delinquente"
l'esempio più facile: grazie alle cure mediche io ho evitato di perdere un occhio a 11 anni, non ho più i denti perfettamente paralleli al suolo con le palette separate da mezzo centimetro e ho una caviglia destra che ancora funziona.
rischiavo di sembrare un mezzo pirata.
chiaro che l'unico posto in cui potrei vivere è la tortuga
Ultima modifica di baol il 17/12/2013, 1:29, modificato 1 volta in totale.
...it's only your mind, you know...

L'uomo capisce tutto.
Tranne le cose perfettamente semplici.

errare è umano, correggere lecito, cliccare invia prima d’aver ricontrollato è ma porca tr°i@ che figura di m.rd@.
Avatar utente
chiarezza
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 1805
Iscritto il: 06/02/2008, 15:30

Sottoscrivo in pieno quanto espresso da baol.
Ultima modifica di chiarezza il 17/12/2013, 1:29, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7117
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

baol ha scritto: 30/09/2010, 9:07vivere in un ambiente emarginato particolare cambia i tuoi tratti
vale anche per situazioni opposte, i figli dei super-ricchi/super-famosi sono spesso super-fighi.
e non perché vestiti e truccati bene, ma proprio belli.
prendo ad esempio la galleria di figli rock già postata in gara di gnocca e in particolare la figlia del bassista degli AC/DC

in generale credo che l'essere umano è fottutamente sociale e fa di tutto per omologarsi all'ambiente che lo circonda, per poi magari distinguersi con pochi particolari. aggiungo che spesso si diventa ciò che la società si aspetta che tu sia, in base al tuo aspetto.
in questo senso il nostro amico Winkelman è esemplare. a parte che non sarebbe così brutto se non fosse completamente sdentato, scommetto che dalle sue parti non lo distinguereste facilmente dai vicini di casa. tatuaggio a parte, ovvio.

Immagine
Ultima modifica di Q il 17/12/2013, 1:29, modificato 2 volte in totale.
“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Avatar utente
chiarezza
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 1805
Iscritto il: 06/02/2008, 15:30

Q ha scritto: 30/09/2010, 10:14i figli dei super-ricchi/super-famosi sono spesso super-fighi.
e non perché vestiti e truccati bene, ma proprio belli.
...beh...scontato direi...il super rocker/super ricco/super famoso, al 99,999%, si trova una strafica con cui accoppiarsi, non certo racchie.
Ultima modifica di chiarezza il 17/12/2013, 1:29, modificato 1 volta in totale.
.Eta.

Anche io avevo subito pensato ai bifolchi-dei-Simpson, giusto per poi ricordarmi che sono personaggi meno esagerati di quello che crediamo... :-\

I due però di baol li sottoscrivo anche io, sono una premessa fondamentale, direi.
Ma indagano su un gioco interattivo tra l'aspetto di una persona e la società in cui vive, osservando i cambiamenti che si possono verificare nel tempo, non a priori. Ripeto: interessantissimo ciò che dice e sono pure d'accordo. Ma, personalmente, sono ancora imbrigliata su un'altra cosa, che viene prima:
baol ha scritto: 30/09/2010, 9:07il punto, x questo topic, è che persone che appartengono allo stesso gruppo somatico non hanno veramente nulla a che spartire per carattere, estrazione sociale o quant'altro.
almeno, stando alla mia esperienza.
Ecco. So che è terribile, ma io non ne sono così sicura...
Anche tu, baol, prima dici
baol ha scritto: 30/09/2010, 9:07io sono ossessionato dai "tipi".
credo (sono profondamente convinto) che alcuni tratti somatici si accompagnino quasi in maniera indissolubile ad altri.
tendo a classificare i volti per grandi gruppi e, da anni, il numero dei "miei" gruppi è invariato.
diciamo che vivo in un mondo di "separati alla nascita".
Dal tuo post per intero deduco che tu lasci che questa tua convinzione sui tratti somatici rimanga ad avere a che fare solo con essi e non inquini ciò che invece riguarda il carattere di una persona, la sua psiche, eccetera... Ma quando inizi ad associare delle persone tra di loro, nella tua testa, per i loro tratti somatici, poi non avverti che la tua mente inizia ad associarli anche per altri motivi? Poi non ti capita mai di trovare altre somiglianze?

Ci tengo a chiarire che mi rendo perfettamente conto che se teorie del genere venissero (di nuovo!) applicate si rischierebbe grosso. So che le conseguenze di questo ragionamento, facilmente travisabile, sono il tripudio dello schifo. Eppure, mi dispiace, non riesco ad abbandonare questo trip.

Faccio un altro esempio, questa volta più comprensibile per più persone qui, vediamo se mi seguite...
Prendiamo il nostro buon McA.
McA ha un naso fine.* Non piccolo, attenzione. Fine, sottile, elegante, narici sottili. Ha le mani "da pianiste", lunghe e affusolate. Direi che questi due elementi sono gli unici (ma pregnanti) che nella sua corporatura hanno qualcosa di femmineo (ovviamente escludo la chioma...). Bene, io, anche nel suo carattere, nella sua gestualità, ritrovo alcuni elementi particolarmente aggraziati che istintivamente associo a quei tratti fisici: il modo in cui si riavvia i capelli, forse il modo in cui usa le mani in generale (quindi non tutto il corpo). Trovo ottimo questo esempio proprio perché direi che di certo, però, McA non ha un modo di fare effeminato. Sono giusto pochi elementi, delle sfumature, che rientrano tranquillamente nei "canoni" di una persona che non è né effeminata né macho...
Riscontrate questa affinità? Dite che è un caso? Io non ci riesco. Io non so nemmeno se riesco più a scollare un carattere dal suo volto, dal suo corpo... Per me è tutto una cosa sola...

McA, scusami per averti vivisezionato, ma... mi era comodo così. :-*

* (Sì, sono fissata coi nasi...)
Ultima modifica di .Eta. il 17/12/2013, 1:29, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
baol
Associazione
Associazione
Messaggi: 2300
Iscritto il: 14/07/2005, 19:44
Località: cremona
Contatta:

.Eta. ha scritto: 01/10/2010, 16:58Dal tuo post per intero deduco che tu lasci che questa tua convinzione sui tratti somatici rimanga ad avere a che fare solo con essi e non inquini ciò che invece riguarda il carattere di una persona, la sua psiche, eccetera... Ma quando inizi ad associare delle persone tra di loro, nella tua testa, per i loro tratti somatici, poi non avverti che la tua mente inizia ad associarli anche per altri motivi? Poi non ti capita mai di trovare altre somiglianze?
ammetto che se mi capita di incontrare qualcuno che assomiglia ad una persona conosciuta che mi sta, mettiamo, simpatica, sono più propenso ad aspettarmi che anche il nuovo incontrato sia simpatico.
e la prima impressione spesso è influenzata da questa aspettativa.

se poi però è uno stronzo me ne accorgo. eccome.

di solito l'assimilazione si ferma al livello fisico.

altro esempio:
in giappone ho conosciuto un ragazzo americano
tipica faccia da ragazzotto californiano
biondo
mascelluto
occhio ceruleo
fisico da uno che non fa surf da anni, ma in passato ha dato.

dottorando in scienze politiche
studia il sistema politico giapponese
ha vissuto in italia
parla 4 lingue
è decisamente un nerd
molto ospitale
è decisamente gay

dove lavoro c'è un elettricista
tipica faccia da ragazzotto californiano
biondo
mascelluto
occhio ceruleo
fisico da uno che non fa surf da anni, ma in passato ha dato.

ha iniziato a lavorare da ragazzino
rasenta l'italiano
perennemente malmostoso
decisamente leghista, omofobo e avverso a tutto ciò che minaccia la sua bella patria padana.
Ultima modifica di baol il 17/12/2013, 1:29, modificato 1 volta in totale.
...it's only your mind, you know...

L'uomo capisce tutto.
Tranne le cose perfettamente semplici.

errare è umano, correggere lecito, cliccare invia prima d’aver ricontrollato è ma porca tr°i@ che figura di m.rd@.
.Eta.

Okey, anche a me capita poi di dover ammettere che la prima impressione è stata totalmente tradita da una conoscenza maggiore della persona...

Gli esempi dei due tipi totalmente diversi nell'insieme, che però si somigliano fisicamente, non è che mi sorprenda. Nel senso che se davvero si somigliassero a 360°, allora sì che sarebbe un punto per quel vecchio figlio di putt@n@ di Cesare Lombroso... (E io potrei essere trascinata in galera alla prima occasione, col mio naso...  ;D ).
Quello che mi intriga in questo trip fallimentare di m.rd@, da intrippata di m.rd@ quale sono, è trovare somiglianze più "sottili"... sfumature...
Il problema, naturalmente, qual è? Be', a un certo punto mi dico pure: - Eh, cocca, sono sfumature così impercettibili che le vedi solo te, grazie al c@xxo!  ;D
Le vedo solo io o sono reali? Cosa è reale?!  oOLT

...Se il giochino ti prende bene, baol (o chiunque, ovviamente), rispondimi su un terreno comune: l'esempio di McA.  ( >:D ). Confermi le mie impressioni?

Ho un altro esempio che amo alla follia, ma purtroppo non è popolare come McA, quindi non so se sarebbe funzionale...  :-\
Ultima modifica di .Eta. il 17/12/2013, 1:29, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
baol
Associazione
Associazione
Messaggi: 2300
Iscritto il: 14/07/2005, 19:44
Località: cremona
Contatta:

l'esempio di McA mi dice solo che McA, per come lo percepisci tu, associa a certi SUOI tratti fisici aggraziati, dei SUOI gesti aggraziati.

non che chi ha tratti fisici simili a McA ha gesti e attitudini McAeschi.

detto questo.
la prossima volta che lo vedrò, lo fisserò intensamente alla ricerca di ogni più piccola sfumatura estetica, di ogni ruga emotiva, di ogni pelo superfluo della sua anima.

tra l'altro ricordo perfettamente la prima volta che vidi il soggetto in questione (io ricordo l'occasione, lui persino la data. non perchè la leghi a me, ma perchè la lega all'occasione).

la mia prima preoccupazione, che ho recentemente condiviso con lui, nel vedere quei lineamenti e quegli atteggiamenti, era capire se il mio piede era grande abbastanza da lasciare un segno indelebile sul suo çul° snob, sulla sua vestaglia lasciva e sul suo sigaro voluttuoso.

quel giorno ho imparato che l'apparenza inganna.
soprattutto durante le performance teatrali.
Ultima modifica di baol il 17/12/2013, 1:29, modificato 1 volta in totale.
...it's only your mind, you know...

L'uomo capisce tutto.
Tranne le cose perfettamente semplici.

errare è umano, correggere lecito, cliccare invia prima d’aver ricontrollato è ma porca tr°i@ che figura di m.rd@.
.Eta.

;D ...Che dire?
Una sconfitta che si instilla assieme alle risate non la si vive ogni giorno!

No, in realtà sono ancora dubbiosa.
Però ciò che hai detto, in effetti, non fa una piega...

Sono io che creo associazioni tra l'aspetto e l'essenza (per così dire), probabilmente...  (SS) Sghmpfff... Temo che continuerò a soffrire in silenzio, però... Ho idea che non riuscirò mai a liberarmi dei miei reticoli di associazioni malate...  ::)

UFFA!!! MA PERCHÉ LA VERITÀ È SEMPRE COSì DIFFICILEEEEE?!?!?  ^LP^ Cosa c'è di male a voler capire tutto?!?  ^LP^
Ultima modifica di .Eta. il 17/12/2013, 1:29, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
labbio
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 1310
Iscritto il: 22/01/2008, 19:32
Località: Cremona

Ecco un esempio di come una vita dissoluta possa lasciare segni evidenti sulla ghigna della gente.

n.d.r. non avrei mai immaginato che un giorno mi sarebbe capitato di scrivere nella stessa frase le parole "dissoluta" e "ghigna". Solo uno tra i frequentatori di questo tread potrà capire perchè ho scritto "gente" e non "persone"
Ultima modifica di labbio il 17/12/2013, 1:29, modificato 1 volta in totale.
Tranquillo, penso a tutto io
Dicono di me: "un rompicoglioni fuori scala, un vero professionista della noia". Siete avvisati.
Non è una frisona
.Eta.

Questo post non toglie e non aggiunge nulla all'argomento, ma può strappare due risate.
Ultima modifica di .Eta. il 17/12/2013, 1:29, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
labbio
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 1310
Iscritto il: 22/01/2008, 19:32
Località: Cremona

labbio ha scritto: 25/02/2011, 17:01Ecco un esempio di come una vita dissoluta possa lasciare segni evidenti sulla ghigna della gente.
Oggi anche il Corriere della sera pubblica la stessa galleria, con l'aggiunta di nuove foto e soprattutto le date relative alle foto.

Spoiler:
A voi questo tizio, nella versione di destra, non ricorda qualcuno?
Gli occhi chiari e le ciglia lunghe, la barbetta rossiccia...

Immagine
Ultima modifica di labbio il 17/12/2013, 1:29, modificato 2 volte in totale.
Tranquillo, penso a tutto io
Dicono di me: "un rompicoglioni fuori scala, un vero professionista della noia". Siete avvisati.
Non è una frisona
.Eta.

A prescindere dal fatto che quella campagna è abbastanza un pugno nello stomaco, trovo che sia giusto giusto il caso in cui palesemente...
labbio ha scritto: 29/09/2010, 20:32Ma forse è vero il contrario, sono la nostra personalità e le nostre condizioni sociali ad avere un effetto sulle nostre facce.
Se una persona ha delle abitudini di vita estreme di un certo tipo, è abbastanza ovvio che il suo aspetto ne risentirà - e che sarà relativamente facile immaginare più o meno quelle abitudini con un'occhiata... No? Direi che questo discorso non aggiunge molto al trip del topic... O no?
Sono i tratti somatici originari il campo di discussione, direi.
Ultima modifica di .Eta. il 17/12/2013, 1:29, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
baol
Associazione
Associazione
Messaggi: 2300
Iscritto il: 14/07/2005, 19:44
Località: cremona
Contatta:

Friedrich Nietzsche 1883: "Diventa ciò che sei!"

forse quelli sono i tratti originari, che la vita fa emergere.
ecco che non c'è più un prima e un dopo
una faccia che genera un comportamento
o un comportamento che crea un volto

il volto è già dentro di te.
lui ti fa agire per poter emergere.

qualcuno ce l'ha appena sotto pelle
qualcuno deve sbattere la faccia sulla vita per farlo uscire, con il sangue, dalle ferite.


cat, oggi son poetico.
Ultima modifica di baol il 17/12/2013, 1:29, modificato 1 volta in totale.
...it's only your mind, you know...

L'uomo capisce tutto.
Tranne le cose perfettamente semplici.

errare è umano, correggere lecito, cliccare invia prima d’aver ricontrollato è ma porca tr°i@ che figura di m.rd@.
.Eta.

Mi sei piaciuto.
Ultima modifica di .Eta. il 17/12/2013, 1:29, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
labbio
Leggenda
Leggenda
Messaggi: 1310
Iscritto il: 22/01/2008, 19:32
Località: Cremona

.Eta. ha scritto: 10/03/2011, 11:38Direi che questo discorso non aggiunge molto al trip del topic... O no?
Sono i tratti somatici originari il campo di discussione, direi.
Questa discussione nasce da questa domanda.
McA ha scritto: 29/09/2010, 16:01Secondo voi, perché spesso accade che i tizi che fanno 'ste vaccate siano già in partenza molto brutti?
Gli ultimi post obiettivamente non aggiungono ne tolgono niente a quanto detto prima, ma mi sembrava abbastanza inutile aprire una discussione apposita.
E poi uffa il thread è mio e ci faccio quello che voglio, se mi fate arrabbiare porto via il pallone ;D
Ultima modifica di labbio il 17/12/2013, 1:29, modificato 1 volta in totale.
Tranquillo, penso a tutto io
Dicono di me: "un rompicoglioni fuori scala, un vero professionista della noia". Siete avvisati.
Non è una frisona
.Eta.

Sniff, scusa, è vero! È che ci sono troppo affezionata e voglio fare la bulla!  (0)
Ultima modifica di .Eta. il 17/12/2013, 1:29, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Q
Associazione
Associazione
Messaggi: 7117
Iscritto il: 16/04/2006, 18:11
Località: Cremona
Contatta:

“Condividere saperi, senza fondare poteri”

Primo Moroni
Rispondi